Ma La Notte No è una canzone cantata da Renzo Arbore e resa celebre dal successo del suo programma televisivo Quelli Della Notte, in onda nel 1985, di cui Ma La Notte No era la sigla di apertura.
E’ stata scritta dallo stesso Renzo Arbore, con l’aiuto nella parte musicale del compositore Claudio Mattone.

Testo ed accordi per chitarra.

Ma La Notte No Renzo Arbore Testo Accordi per Chitarra Chords

SOL                                             RE
Ogni giorno la vita è una grande corrida, ma la notte no!
                                                                SOL
Ogni giorno è una lotta, chi sta sopra e chi sotta, ma la notte no!
                                                                    RE
E al mattino è un po' grigio se non c'è il dentifricio, ma la notte no!
                                                                SOL
Tu ti guardi allo specchio e ti sputi in un ecchio, ma la notte no!
      LA                                                 MI
Poi comincia il lavoro e dimentichi il cuoro, ma la notte no!
                                                         LA
Parli sempre soltanto delle cose importanto, ma la notte no!
                                                      MI
E ti perdi la stima se non trovi la rima, ma la notte no!
                                                         LA
Ti distrugge lo stress e dimentichi il sess, ma la notte no!
                                                          MI
Che stress, che stress, che stress di giorno, ma la notte no!
                                                    LA
Compress, compress, compress di giorno, ma la notte no! (2v.)
RE                       LA                       SOL#
Giorno, mi tormenti così, giorno, mi fai dire sempre sì..
 MI                       LA                       MI                      LA
 Ma la notte, ma la notte, ma la notte, ma la notte, ma la notte, ma la notte no!
MI                       LA                       MI                      LA
Ma la notte, ma la notte, ma la notte, ma la notte, ma la notte, ma la notte no!
Lo diceva Neruda che di giorno si suda, ma la notte no!
Rispondeva Picasso, "Io di giorno mi scasso", ma la notte no!
E per questa rottura non si trova la cura, ma la notte no!
Il morale si affloscia, la pressione si ammoscia, ma la notte no!
Si ammosc', si ammosc', si ammoscia di giorno, ma la notte no!
che angosc', che angosc', che angoscia di giorno, ma la notte no! (2v.)
Giorno, mi tormenti così, giorno, mi fai dire sempre sì..

[Renzo Arbore]

Articoli correlati

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 31 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO. Twitter @albertomoneti