Generale è un brano scritto e interpretato da Francesco De Gregori contenuto nell’album De Gregori pubblicato nel 1978. Disco che ha riscosso un buon successo arrivando in seconda posizione della classifica dei dischi più venduti. La canzone, forse la più famosa del cantautore romano, racconta del periodo del servizio di leva in Alto adige, poi diventata la canzone simbolo della guerra. Capolavoro della musica leggera italiana, obiettivo fisso di ogni chitarrista, buon divertimento!

Testo e Accordi per chitarra.

Generale Accordi per Chitarra Chords Testo Tab

    LA
Generale, dietro la collina

ci sta la notte crucca e assassina,
              RE
e in mezzo al prato c'è una contadina,
             LA                  FA#m
curva sul tramonto sembra una bambina,
            SIm
di cinquant'anni e di cinque figli,
          LA
venuti al mondo come conigli,
           MI
partiti al mondo come soldati
                LA
e non ancora tornati.

Rit.
       RE          LA         RE     MI    LA
-------------------------------------------------------
-2-3-2-------2-3-2------2-3-2--------------2-2---------
-------------------------------------1-2-------4-2-4---
-------4-----------2----------4--6---------------------
-------------------------------------------------------
-------------------------------------------------------

    LA
Generale, dietro la stazione

lo vedi il treno che portava al sole,
              RE
non fa più fermate neanche per pisciare,
               LA                FA#m
si va dritti a casa senza più pensare,
                SIm
che la guerra è bella anche se fa male,
         LA
che torneremo ancora a cantare
          MI                               LA
e a farci fare l'amore, l'amore delle infermiere

RE LA
RE MI LA

    LA
Generale, la guerra è finita,

il nemico è scappato, è vinto, è battuto,
             RE
dietro la collina non c'è più nessuno,
             LA                FA#m
solo aghi di pino e silenzio e funghi
            SIm
buoni da mangiare, buoni da seccare,
            LA
da farci il sugo quando viene Natale,
            MI
quando i bambini piangono
                              LA
e a dormire non ci vogliono andare

RE LA
RE MI LA

    LA
Generale, queste cinque stelle,

queste cinque lacrime sulla mia pelle
          RE                               LA
che senso hanno dentro al rumore di questo treno,
            FA#           SIm
che è mezzo vuoto e mezzo pieno
                       LA
e va veloce verso il ritorno,
          MI
tra due minuti è quasi giorno,
                      LA
è quasi casa, è quasi amore

RE LA
RE MI LA

Articoli correlati

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 31 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO. Twitter @albertomoneti