Francesco Guccini Dio è Morto

Ho visto…
RE
la gente della mia età andare via;
SIm
lungo le strade che non portano mai a niente,
SOL
cercare il sogno che conduce alla pazzia
LA                   LA7
nella ricerca di qualcosa che non trovano
RE
nel mondo che hanno già,

dentro alle notti che dal vino son bagnate,
SIm
dentro alle stanze da pastiglie trasformate,
SOL
lungo alle nuvole di fumo del mondo fatto di città,
LA                          LA7
essere contro ad ingoiare la nostra stanca civiltà
RE
e un dio che è morto,
   SOL          LA7            RE
ai bordi delle strade dio è morto,
       SOL             LA7         RE
nelle auto prese a rate dio è morto,
     SOL          LA7
nei miti dell’ estate dio è morto…

Mi han detto
RE
che questa mia generazione ormai non crede
SIm
in ciò che spesso han mascherato con la fede,
SOL
nei miti eterni della patria o dell’ eroe
LA                                  LA7
perchè è venuto ormai il momento di negare
RE
tutto ciò che è falsità,



le fedi fatte di abitudine e paura,
SIm
una politica che è solo far carriera,
SOL
il perbenismo interessato, la dignità fatta di vuoto,
LA
l’ ipocrisia di chi sta sempre
LA7
con la ragione e mai col torto
RE
e un dio che è morto,
     SOL            LA7          RE
nei campi di sterminio dio è morto,
     SOL       LA7           RE
coi miti della razza dio è morto
          SOL       LA7
con gli odi di partito dio è morto…

Ma penso
RE
che questa mia generazione è preparata
SIm
a un mondo nuovo e a una speranza appena nata,
SOL
ad un futuro che ha già in mano,
SOL
a una rivolta senza armi,
LA
perchè noi tutti ormai sappiamo
LA                                                  RE
che se dio muore è per tre giorni e poi risorge,
   SOL               LA7             RE
in ciò che noi crediamo dio è risorto,
   SOL              LA7             RE
in ciò che noi vogliamo dio è risorto,
     SOL             LA7
nel mondo che faremo dio è risorto…
SOL RE

Francesco Guccini testi canzoni

Articoli correlati

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 31 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO. Twitter @albertomoneti