Firenze Santa Maria Novella è un brano di Enzo Ghinazzi in arte Pupo pubblicato nel 1980. Scritto a quattro mani con Paolo Barabani il testo parla di una notte alla stazione di Firenze “Santa Maria Novella”. Notte insonne passata ad osservare la vita di uno scalo ferroviario. Non c’è troppa confusione come nelle grandi città, qualche barbone, i nuovi titoli dei giornali stanno per arrivare, tra poco sforneranno bomboloni freschi al bar. Una notte come tante, forse un po’ nostalgica come questa canzone, forse nell’attesa del ritorno di un amore.

Testo e Accordi per Chitarra

Pupo Firenze Santa Maria Novella Accordi per Chitarra Chords Testo

Intro:
       RE  Mim  SOL LA  RE

             RE
    Le luci spente delle due di notte
                MIm
    passa un barbone con le scarpe rotte
              SOL               LA
    la notte qui non è come a Milano
              RE
    o a Roma, sempre pieno di casino
                 RE
    fra quasi un'ora arriva "la nazione"
             MIm
    un ferroviere fischia una canzone
           SOL              LA
    una signora senza suo marito
              RE                    RE7
    la guardo bene, è solo un travestito

     
           SOL         LA
    Firenze S. Maria Novella sogna
    FA#m          SIm
    povera ancora di vergogna
    MIm                LA           RE  RE7
    sembra lo specchio della sua città
           SOL         LA
    Firenze S. Maria Novella almeno
    FA#m             SIm
    mi fa sentire un po' sereno
    MIm              LA         RE   SI7
    e il portafoglio non mi ruberà

     
            MI
    I primi pendolari la mattina
                 FA#m
    quest'anno è forte la tua fiorentina
            LA              SI
    la colazione con i bomboloni
                 MI
    e guai a chi parla male di Antognoni
              MI
    raggio di sole arriva il nuovo giorno
              FA#m
    gente che va giurando un ritorno
              LA                  SI
    perché' a Firenze sulla mia parola
              MI                 MI7
    non vedi niente in una volta sola

     
            LA          SI   
    Firenze S. Maria Novella è festa
    SOL#m              DO#m
    per lui che va per lei che resta
    FA#m         SI         MI  MI7
    per un amore che ritornerà
            LA         SI
    Firenze S. Maria Novella scusa
    SOL#m           DO#m
    spero di farti una sorpresa
    FA#m             SI        MI  DO7  FA  SOLm  SIb DO FA
    quando la mia canzone sentirai

     
FA7        SIb         DO
    Firenze S. Maria Novella sogna
    LAm           REm
    povera ancora di vergogna
    SOLm               DO           FA  FA7
    sembra lo specchio della sua città
           SIb         DO
    Firenze S. Maria Novella almeno
    LAm              REm
    mi fa sentire un po' sereno
    SOLm             DO         FA  FA7
    e il portafoglio non mi ruberà

     
            SIb        DO
    Firenze S. Maria Novella è festa
    LAm                REm
    per lui che va per lei che resta
    SOLm         DO         FA  FA7
    per un amore che ritornerà
           SIb         DO
    Firenze S. Maria Novella scusa...

Articoli correlati

  • Gelato Al CioccolatoGelato Al Cioccolato Gelato Al Cioccolato è il brano che dà il titolo al secondo album di Pupo, pubblicato nel 1979. Il testo è di Cristiano Malgioglio, e Pupo ha dichiarato che si riferisce ad […]
  • Su Di NoiSu Di Noi Su Di Noi è uno dei pezzi più celebri del repertorio di Pupo, presentato al Festival di Sanremo del 1980 e poi lanciato come singolo assieme al brano "Lucia", estratto dall'album […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2008Un Disco Italiano All’Anno: 2008 Le Luci Della Centrale Elettrica - Canzoni Da Spiaggia Deturpata Il cantautorato italiano si evolve, e il progetto de Le Luci Della Centrale Elettrica (nome sotto il quale […]
  • Italian DandyItalian Dandy Italian Dandy è la seconda traccia del disco d'esordio Vol.1 di Brunori Sas, un brano triste ma allo stesso tempo ironico nei confronti di coloro che si atteggiano "a […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 31 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO. Twitter @albertomoneti