Cosa Resterà degli Anni ’80 è un brano di Raf scritto insieme a Giancarlo Bigazzi e Beppe Dati inserito poi nell’album Cosa Resterà… pubblicato nel 1989. Viene presentato al Festival di Sanremo di quell’anno ma si classifica soltanto quindicesimo, il riscatto arriverà successivamente quando la canzone riscuoterà un grande successo in italia diventanto un evergreen della canzone italiana. Parla di un decennio che è pronto a concludersi riflettendo su uno stile di vita che sta per cambiare (o forse è già cambiato) in modo radicale.

Testo e Accordi per chitarra.

Raf Cosa Resterà degli Anni ’80

Intro:
       SIm7  MIm7/9  SIm7  MI7/9

SIm7
Anni come giorni son volati via
MIm7
 brevi fotogrammi o treni in galleria
LA                                         LA/SOL                                
è un effetto serra che scioglie la felicità
FA#m7                                      SOL/LA
delle nostre voglie e dei nostri jeans che cosa resterà
SIm7
Di questi anni maledetti dentro gli occhi tuoi
MIm7
anni bucati e distratti noi vittime di noi
LA                                 LA/SOL
ora però ci costa il non amarsi più
FA#m7                         SOL/LA
è un dolore nascosto giù nell´anima

          SIm7              MIm7
Cosa resterà di questi Anni Ottanta
            LA  LA/SOL       FA#m7  SOL/LA 
afferrati e già    scivolati via
          MIm7 FA#7/9b  FA#7  SIm7         MIm7 SOLm7          SOL/LA   LA
Cosa resterà       e la radio canta una verità    dentro una bugia

SIm7
Anni ballando, ballando Reagan-Gorbaciov
MIm7
danza la fame nel mondo, un tragico rondò
LA                                    LA/SOL
Noi siamo sempre più soli singole metà
FA#m7                              SOL/LA
anni sui libri di scuola e poi che cosa resterà
SIm7
Anni di amori violenti litigando per le vie
MIm7
sempre pronti io e te a nuove geometrie
LA                                    LA/SOL
anni vuoti come lattine abbandonate là
FA#m7                            SOL/LA
ora che siamo alla fine, noi, di questa eternità

          SIm7                MIm7
Cosa resterà di questi Anni Ottanta
            LA LA/SOL        FA#m7  SOL/LA
chi la scatterà    la fotografia
          MIm7 FA#7/9b  FA#7 SIm7
Cosa resterà,     e la radio canta
                 MIm7
"Won´t you break my heart?"
SOLm7                SOL/LA
 "Won´t you break my heart?"

SIm7
Anni rampanti dei miti sorridenti da wind-surf
     Mim7
sono già diventati graffiti ed ognuno pensa a sé
LA                                            LA/SOL
forse domani a quest´ora non sarò esistito mai
FA#m7                              SOL/LA
e i sentimenti che senti tu se ne andranno come spray
MIm7  FA#7/9b  FA#7
Uh! Oh No, no, no, no
     SIm7
Anni veri di pubblicità, ma che cosa resterà
Mim7                       SOLm7
anni allegri e depressi di follia e lucidità
SOL/LA 
sembran già degli Anni Ottanta

per noi quasi ottanta anni fa

SIm7  MIm7  LA LA/SOL FA#m7  SOL/LA  MIm7  FA#7/9b FA#7 SIm7  MIm7  SOLm7  SOL/LA

Articoli correlati

  • Gente di MareGente di Mare Gente Di Mare è un singolo di Umberto Tozzi del 1987, scritto dallo stesso assieme a Giancarlo Bigazzi e cantato in duetto con Raf. I due parteciparono all'edizione di quell'anno […]
  • Ti PretendoTi Pretendo Ti Pretendo è un brano scritto e interpretato da Raf contenuto nell'album Cosa resterà... pubblicato nel 1989. Scritto insieme a Giancarlo Bigazzi per la musica e a Gianni Albini […]
  • DueDue Due è un brano scritto e interpretato da Raf con la collaborazione di Cheope alias Alfredo Rapetti, figlio di Giulio Rapetti in arte Mogol. La canzone è il secondo singolo […]
  • Passeggeri DistrattiPasseggeri Distratti Passeggeri Distratti è un brano scritto e interpretato da Raf contenuto nell'omonimo album pubblicato nel 2006. Disco di grande successo, musicalmente è un ritorno al pop […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 31 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO. Twitter @albertomoneti