I Watussi è un celeberrimo brano (nonchè ballo) composto nel 1963 da Edoardo Vianello su testo del paroliere Carlo Rossi. Agli strumenti viene accompagnato dai Flippers (gruppo nel quale militava anche un giovane Lucio Dalla) mentre gli arrangiamenti sono curati da Ennio Morricone. Oltre a risultare uno dei singoli più venduti di quell’anno, rimarrà nel tempo un vero e proprio classico degli anni ’60.

Testo con accordi per chitarra.

I Watussi Edoardo Vianello Testo e Accordi per Chitarr Chords

  Re
Nel continente nero, paraponzi ponzi pò
Alle falde del Kilimangiaro, paraponzi ponzi pò
                    La7               La         Re
Ci sta un popolo di negri che ha inventato tanti balli
                        La7                       Re   La7
il più famoso è l'Hully-Gully, Hully-Gully, Hully-Gu...
Re                                              Re7
Siamo i Watussi, siamo i Watussi, gli altissimi negri!
Sol7                              Re
Ogni tre passi, ogni tre passi facciamo sei metri!
          La7                                  Sol7
Noi siamo quelli che nell'Equatore vediamo per primi la luce del sole,
              Re     La7
noi siamo i Watussi!
Siamo i Watussi, siamo i Watussi, gli altissimi negri!
Quello più basso, quello più basso è alto due metri!
Qui ci scambiamo l'amore profondo dandoci i baci più alti del mondo,
                 Re7
siamo i Watussi!
    Sol                                 Re
    Alle giraffe guardiamo negli occhi, agli elefanti parliamo negli orecchi,
    Mi7                                               La7
    se non credete venite quaggiù, venite, venite quaggiù!
Siamo i Watussi, siamo i Watussi, gli altissimi negri!
Ogni tre passi, ogni tre passi facciamo sei metri!
Ogni capanna del nostro villaggio ha perlomento tre metri di raggio
siamo i Watussi!
Nel continente nero, alle falde del Kilimangiaro,
Ci sta un popolo di negri che ha inventato tanti balli
                                                       Re7
il più famoso è l'Hully-Gully, Hully-Gully, Hully-Gu...
Siamo i Watussi, siamo i Watussi, gli altissimi negri!
Quello più basso, quello più basso è alto due metri!
Quando le donne stringiamo sul cuore noi con le stelle parliamo d'amore,
siamo i Watussi!
Qui ci scambiamo l'amore profondo dandoci i baci più alti del mondo,
siamo i Watussi!
Noi siamo quelli che nell'Equatore vediamo per primi la luce del sole,
noi siamo i Watussi!
Nel continente nero, alle falde del Kilimangiaro,
Ci sta un popolo di negri che ha inventato tanti balli
                                                  Re   Sol Re Sol Re
il più famoso è l'Hully-Gully, Hully-Gully, Hully-Gu...

[Edoardo Vianello]

Articoli correlati

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 31 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO. Twitter @albertomoneti