Agenzia Musicisti

fabrizio de andre

Nel decennale della morte di Fabrizio De Andrè, pubblichiamo le opere più famose del grande poeta genovese.
Il pescatore usciva nell’anno 1967, in versione inedita, nel 45 giri assieme al brano Marcia Nuziale. Della prima stampa ne esistono pochissimi esemplari, in quanto la casa produttrice Bellidisc chiuse di lì a breve, e ne fu subito rilasciata una nuova versione dalla Liberty Italia, oggi più diffusa.

Il pescatore: video live con testo ed accordi per chitarra.

Fabrizio De Andrè Il Pescatore Accordi Spartito Chitarra Testo

intro:
FA tenuto
DO FA DO SOL X4

          DO     SOL  DO
All'ombra dell'ultimo sole
           FA           DO
si era assopito un pescatore
           FA    SOL      LAm
e aveva un solco lungo il viso
FA        DO    SOL   DO
come una specie di sorriso.

(DO) FA DO SOL X2

           DO       SOL     DO
Venne alla spiaggia un assassino
          FA           DO
due occhi grandi da bambino
            FA   SOL  LAm
due occhi enormi di paura
FA        DO     SOL        DO
eran gli specchi di un'avventura.

         FA          DO
La La La La La La La La
         SOL         DO
La La La La La La La La
         FA    SOL   LAm
La La La La La La La La
FA       DO    SOL   LAm
La La La La La La La La

LAm tenuto
DO FA DO SOL X4

            DO        SOL      DO
E chiese al vecchio, "Dammi il pane
        FA             DO
ho poco tempo e troppa fame"
            FA        SOL      LAm
e chiese al vecchio, "Dammi il vino
FA        DO   SOL     DO
ho sete e sono un assassino".

(DO) FA DO SOL X2

             DO        SOL        DO
Gli occhi dischiuse il vecchio al giorno
           FA           DO
non si guardò neppure intorno
            FA      SOL      LAm
ma versò il vino e spezzò il pane
FA        DO      SOL       DO
per chi diceva ho sete e ho fame.

         FA          DO
La La La La La La La La
         SOL         DO
La La La La La La La La
         FA    SOL   LAm
La La La La La La La La
FA       DO    SOL   LAm
La La La La La La La La

LAm tenuto
DO FA DO SOL X4

          DO   SOL     DO
E fu il calore di un momento
           FA             DO
poi via di nuovo verso il vento
           FA    SOL      LAm
poi via di nuovo verso il sole
FA          DO     SOL     DO
dietro alle spalle un pescatore.

(DO) FA DO SOL X2

            DO     SOL     DO
Dietro alle spalle un pescatore
       FA            DO
e la memoria è già dolore
            FA     SOL    LAm
è già il rimpianto di un aprile
FA          DO    SOL      DO
giocato all'ombra di un cortile.

         FA          DO
La La La La La La La La
         SOL         DO
La La La La La La La La
         FA    SOL   LAm
La La La La La La La La
FA       DO    SOL   LAm
La La La La La La La La

LAm tenuto
DO FA DO SOL X4

           DO    SOL    DO
Vennero in sella due gendarmi
           FA           DO
vennero in sella con le armi
            FA      SOL     LAm
chiesero al vecchio se lì vicino
FA       DO   SOL     DO
fosse passato un assassino.

(DO) FA DO SOL X2

             DO     SOL  DO
Ma all'ombra dell'ultimo sole
           FA           DO
si era assopito il pescatore
           FA    SOL      LAm
e aveva un solco lungo il viso
FA       DO     SOL   DO
come una specie di sorriso.
           FA    SOL      LAm
e aveva un solco lungo il viso
FA       DO     SOL   DO
come una specie di sorriso.

         FA          DO
La La La La La La La La
         SOL         DO
La La La La La La La La
         FA    SOL   LAm
La La La La La La La La
FA       DO    SOL   DO
La La La La La La La La
Agenzia Musicisti

Articoli correlati

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 28 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO. Twitter @albertomoneti