La Regola Dell’Amico è uno dei brani che hanno fatto de La Dura Legge Del Gol uno degli album di maggior successo degli anni ’90 in Italia: in esso veniva pubblicata come seconda traccia (era il 1997) e da lì venne estratta come singolo; partecipò al Festivalbar, venne usata come sigla per la trasmissione Un Disco per L’Estate 1997 e, lo stesso anno, vinse anche un Telegatto nella categoria “Canzone dell’estate”.
L’album degli 883 vinse due dischi di diamante grazie alle più di 800 mila copie vendute in Italia, mentre il singolo da solo ottenne due dischi di platino (più di 100 mila copie).
E’ stato reinciso nelle compilation Gli Anni (1998), Mille Grazie (2000), TuttoMax (2005) e Max Live 2008.

Testo e accordi per chitarra.

883 La Regola Dell’Amico Accordi Chitarra Guitar Chords Tab Lyrics

DO
Io
               MIm7    FA
non capisco che gli fai
         SOL                MIm7
quando arrivi in mezzo a noi
             LAm   FA         SOL
tutti i miei amici si dileguano
           DO
e vengon li
                  MIm7    FA
prendon posto accanto a te
             SOL          MIm7
accanto ai tuoi capelli che
      LAm
hanno quel profumo
      FA              SOL
e' il balsamo o sei tu  che emani
   FA               SOL
tutti qui ci provano
                    MIm7
aspettano un tuo segno
                  LAm
e intanto sperano
                     FA                  DO
che dal tuo essere amica nasca cosa pero'
                SOL
non si ricordano
       FA         SOL
il principio naturale che

   DO  SOL LAm7 SOL FA DO REm7 DO       SOL
la regola dell' amico non sbaglia mai
        FA            SOL
se sei amico di una donna non ci
DO SOL LAm7 SOL  FA   DO    REm7  DO     SOL
combinerai mai niente mai, "non vorrai
     FA          SOL
rovinare un cosi bel rapporto"

[violini, ripetono gli stessi accordi del ritornello]

Tu
parli e tutti ascoltano
ridi e tutti ridono
e' una gara a chi ti asseconda di piu'
mentre tu
giochi e un poco provochi
pero' mai esageri
sul piu' bello te ne vai via
sola e lasci tutti cosi
a rodersi perche'
"ha dato retta a un altro
non cagando me
pero' domani le offriro' da bere e poi
staro da solo con lei"
non riescono a capire che

la regola dell' amico non sbaglia mai
se sei amico di una donna non ci
combinerai mai niente mai, "non vorrai
rovinare un cosi bel rapporto"
regola dell'amico proprio perche'
sei amico non ci combinerai mai niente
mai niente mai "non potrei
mai vederti come fidanzato"

Io
vedo i lampi d' odio che
tutti stan lanciando a te
mentre stai entrando
mano nella mano con lui
che magari non avra'
la nostra loquacita'
ma lo vedo che sa
dove metterti le mani
qui i commenti piovono
"che cazzo c'entra con lui
e' stupida lo so
che la fara' soffrire
invece io sarei
il tipo giusto per lei"
non riescono a capire che

la regola dell' amico non sbaglia mai
se sei amico di una donna non ci
combinerai mai niente mai, "non vorrai
rovinare un cosi bel rapporto"
regola dell' amico proprio perche'
sei amico non combinerai mai niente
mai niente niente mai "non potrei
mai vederti come fidanzato"

OUTRO: stessi accordi del ritornello.

Articoli correlati

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 29 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO. Twitter @albertomoneti