Rotta per Casa di Dio è un brano degli 883, terzo singolo estratto dal secondo album della band di Pavia (Nord Sud Ovest Est, 1993). La canzone è stata inserita da Max Pezzali in alcune future raccolte e ne è stata eseguita persino una nuova versione assieme a Gianluca Grignani. Rotta per Casa di Dio riesce, attraverso un accompagnamento semplice e lineare, a raccontare con allegria e spensieratezza le sorti di una serata tra amici.

Testo e accordi per chitarra.

Rotta per Casa di Dio Accordi per Chitarra Testo Guitar Chords

SOL  RE  DO  DO-RE  x4

SOL                DO
Si era detto otto e mezzo puntuali al bar
SOL                  RE
però lo sapevamo già
SOL                   DO
che tra una cazzata e l'altra c'è Cisco che
SOL                 RE
passa in bagno un'eternità
SOL                 RE
tutti in macchina la festa è lontana e poi
SOL             RE
là le tipe ci aspettano
SOL                DO
oh ragazzi, "tranqui", questa è una botta sicura
SOL                RE
basta che non ci perdiamo

SOL      RE        DO   DO-RE
Rotta per casa di Dio
        SOL         RE    DO  DO-RE
stiamo volando alla festa
SOL      RE        DO   DO-RE
Rotta per casa di Dio
            SOL         RE   DO  DO-RE
e siamo già là con la testa
RE              DO
E le troveremo già sulla porta e poi
RE              DO
con il tacco alto e la gonna corta e noi
RE                      DO       SOL
con il groppo in gola e il cuore che batte
DO                    RE
le faremo ballare per tutta la notte

SOL                   DO
Cisco addocchia la cartina poi dice "No!
SOL                 RE
Stiamo andando a fanculo!"
SOL                DO
Te l'ho detto dovevamo girare là
SOL           RE
guarda sono sicuro
SOL             RE
lo sapevo che sarebbe finita così
SOL             RE
siamo teste di cazzo noi!
SOL                  DO
Basta uscire più di dieci chilometri
SOL                  RE
che noi stronzi ci perdiamo

SOL      RE        DO   DO-RE
Rotta per casa di Dio
        SOL         RE     DO  DO-RE
ci stiam perdendo la festa
SOL      RE        DO   DO-RE
Rotta per casa di Dio
        SOL         RE     DO  DO-RE
e stiamo uscendo di testa
RE               DO
non le troveremo più sulla porta e poi
RE               DO
niente tacco alto né gonna corta e noi
RE                      DO       SOL
con il groppo in gola e il cuore che batte
DO                    RE
ci faremo menate per tutta la notte

SOL                  DO
Con le facce tese tutti incazzati neri
SOL              RE
e con le pive nel sacco
SOL                   DO
persi in queste strade che sembrano sentieri
SOL                RE
stanotte niente di fatto
SOL                     RE
avvistiamo da lontano un cavalcavia
SOL                 RE
ci sarà un'autostrada là
SOL                   DO
appena entrati dal casello come per magia
SOL                 RE    
ecco appare un autogrill

SOL      RE        DO   DO-RE
Rotta per casa di Dio
        SOL         RE     DO  DO-RE
ci siam fottuti la festa
SOL      RE        DO   DO-RE
Rotta per casa di Dio
        SOL         RE     DO  DO-RE
però che notte diversa
RE               DO
tutti con in mano birra e Camogli noi
RE               DO
senza fidanzate, troie né mogli noi
RE                      DO       SOL
quattro deficienti a fare cazzate
DO                    RE
come non succedeva da un pacco di tempo
SOL      RE        DO   DO-RE
Rotta per casa di Dio
        SOL         RE     DO  DO-RE
ma chi la caga la festa
SOL      RE        DO   DO-RE
Rotta per casa di Dio
        SOL         RE     DO  DO-RE
stanotte non l'abbiam persa
RE               DO
tutti con in mano birra e Camogli noi
RE               DO
senza fidanzate, troie né mogli noi
RE                      DO       SOL
quattro deficienti a fare cazzate
DO                    RE
come non succedeva da un pacco di tempo

SOL  RE  DO  DO-RE  x4

SOL

Articoli correlati

L'autore del post

Foto dell'autore
Paolo Moneti 29 anni, musicologo e musicista per passione, suona la chitarra dall'età di 16 anni.