Composta dal cantante e chitarrista della band Francesco Bianconi, Il Corvo Joe è la sesta traccia del terzo album dei Baustelle, La Malavita, datato 2005.
Il riferimento del titolo è alla raccolta di poesie di Edgar Allan Poe intitolata “Il Corvo Ed Altre Poesie” (1845), ed è allo stesso Poe che il testo si riferisce quando riporta “solo certi poeti del male mi sanno cantare”.
La Malavita fu il primo album del gruppo prodotto da una etichetta major, in questo caso la Warner Records, la quale potè mettere a disposizione del gruppo un’intera sezione orchestrale per tutta la fase di registrazione (oltre ad un mixaggio dei suoni molto più professionale di quello che era stato per i loro lavori precedenti).

Testo con accordi per chitarra de Il Corvo Joe.

Il Corvo Joe Accordi per Chitarra Guitar Chords Testo Lyrics

             Re
I barboni mi guardano
       Si-
mentre mastico
     Sol
la lucertola

Anche oggi è domenica
tutta d'oro la
gente luccica

Mentre osserva le anatre
inventandosi
la felicità

La sorvolo e capisco che
maledice la
mia diversità

                Re
Ma nel parco ci abito
     Fa#-
È la vita mia
      Sol
esser simbolo

     Fa#-     Si-
Di paura e di morte
     La
sono tenebre
       Re
i miei abiti

Sol7+

I bambini sorridono
"Mamma guardalo!
Che bestiaccia è?"

Gli alberi mi consolano
apro le ali e
resto immobile

Gli studenti li evito
preferisco le
ricche vedove

Con gli anelli di platino
sono un ladro ma
fine gentleman

Mi Sol#-   La        Si7
Io sono il Corvo Joe
Mi Si7    La   Si7
faccio spavento
state attenti, lasciatemi stare
solo certi poeti del male
mi sanno cantare

I borghesi si siedono
e poi leggono
il giornale

I ragazzi si baciano
mezzogiorno sta
per scoccare

Senza grazie e gracchiando
mi avvicino e
poi li supplico

Se soltanto per oggi
fossi libero
di parlare

Piacere, Corvo Joe
C'è da mangiare?
Solo sassi sapete lanciare
Meritate di andare per me
nell'eterno dolore

Io sono il Corvo Joe
Faccio paura
State attenti, lasciatemi stare
Solo certi poeti del male
mi sanno cantare

Ma vi perdono
Perché in fondo portate nel cuore
Sangue che è destinato a seccare
vivete un morire.

Articoli correlati

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 29 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO. Twitter @albertomoneti