Malafemmena è un classico della canzone napoletana da Totò (Antonio De Curtis) nel 1951 ed il primo ad interpretarla fu il cantante e attore napoletano Mario Abbate. Il successo della canzone fu però riscosso con l’interpetazione del messinese Giacomo Rondinella, del quale lo stesso Totò era fan e che gli riservò molte delle sue composizioni.
La fama del brano crebbe grazie all’interpretazione del celebre film Totò, Peppino e… La Malafemmina (1956): quest’ultima fu ad opera del cantante triestino Teddy Reno e rimane oggi come una delle versioni più conosciute.
La “malafemmena” in questione è, come racconta la figlia Liliana De Curtis, l’allora moglie di Totò Diana Bandini Lucchesini Rogliani, alla quale inoltre è dedicato il testo originale al tempo depositato alla SIAE.

Tra le interpretazioni più importanti si citano anche Renzo Arbore e Massimo Ranieri: quella di quest’ultimo è qui di seguito proposta in testo ed accordi.

Malafemmina Accordi per Chitarra Guitar Chords Testo Spartito

    FA
Si avisse fatto a n'ato
                   SOLm
chello c'hai fatto a me
                    DO7
st'ommo t'avisse accise
             FA
e vò sapè pecchè
                     REm -> RE7
Pecchè 'ncoppa a sta terra
               SOLm -> SIbm
femmene comm'a te
                     FA
nun c'hanna sta pè n'ommo
SOLm          DO7
onesto comm'a me

FA
Femmena
              LAm
tu sì na mala femmena
                        REm
chist'uocchie hai fatto chiagnere
RE7m               SOLm
   lacrime e 'nfamità

DO7
Femmena
                  SOLm
sì tu peggio e na vipera
                  DO7
m'è 'ntussecato l'anema
                   FA
nun pozzo chiu' campà

FA
Femmena
                LAm
sì doce comm'o zucchero
                  REm -> RE7
però sta faccia d'angelo
                SOLm
te serve pè 'ngannà

SIbm -> RE7
Femmena
                   FA -> RE7
tu sì a chiù bella femmena
                    SOLm
te voglio bene e t'odio
       DO7       FA
nun te pozzo scurdà

+1 tono (in SOL)

Te voglio ancora bene,
ma tu nun saje pecché
pecché ll'unico ammore
si' stato tu pe' me!

E tu, pe' nu capriccio,
tutto hê distrutto oje né
Ma Dio nun t'o pperdona
chello ch'hê fatto a me

Articoli correlati

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 29 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO. Twitter @albertomoneti