L’oggetto di cui vi parlerò oggi è un amplificatore per basso, l’ABM 500 EVO III Head della Ashdown. Si tratta di una testata in grado di sprigionare ben 575W di potenza, molto completa e intuitiva, dotata di un sound ricco e versatile; un ampli perfetto per ogni musicista che necessiti di una buona dose di potenza e tanta funzionalità, sia che si tratti di un professionista, sia di un amatore.

Tanto per iniziare, bisogna precisare che è disponibile in due versioni, la ABM 500 EVO III Head che è quella standard e la ABM 500 RC EVO III Head, con case interamente in alluminio e che è stata concepita per essere montata a rack. Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, le due testate sono pressoché identiche: possiedono un doppio stage di preamplificazione, uno solid state e uno valvolare, miscelabili per creare il tocco che più preferite. La saturazione delle due valvole è regolata con un controllo – Valve Drive – che è disinseribile tramite un apposito switch (premendolo si disattiverà la circuitazione valvolare). Con il controllo Drive al minimo si otterranno dei suoni puliti, mentre man mano che lo si alzerà di livello, il sound si colorerà sempre di più fino a giungere alla saturazione delle valvole. Sempre nello stadio d’ingresso troverete il controllo del livello di input, uno switch per selezionare il tipo di pickup (attivi/passivi) e uno per attivare lo shaping del suono in ingresso. Una caratteristica interessante è la presenza di un VU meter per il monitoraggio del volume.

Nel centro del pannello è invece situato l’equalizzatore (disinseribile) dotato dei tre controlli classici parametrici (Alte, Basse e Medie) più 4 controlli grafici intermedi (due per le medio basse e due per le medio alte). Si tratta di una scelta particolarmente interessante, che permette ai musicisti più esigenti di sagomare “millimetricamente” il suono del proprio basso, senza però mettere in difficoltà chi non è troppo esperto. Inoltre, i controlli sono molto intuitivi e facilmente utilizzabili anche da musicisti “alle prime armi”. Appena sotto l’equalizzatore si trova un controllo davvero utile, quello del compressore. Anch’esso disinseribile, si regola facilmente attraverso l’unico potenziometro, e può essere utilizzato in vari modi: da una leggera compressione, perfetta per eliminare i picchi eccessivi di volume, fino ad una compressione molto rigida, in grado di livellare il volume di ogni singola nota (eliminando però la possibilità di lavorare sulla dinamica).

In fase di uscita, troverete invece la seconda delle due funzioni aggiuntive che rendono l’ABM 500 EVO III Head un amplificatore davvero competo. Si tratta del controllo Sub-Harmonic (disattivabile), che altro non è che un generatore di frequenze subarmoniche (in poche parole cattura e riproduce il suono un’ottava sotto). Si tratta di una funzione molto utile per arricchire la low end del vostro basso ed è facilmente regolabile attraverso il potenziometro, che permette di dosare con precisione l’esatta quantità di subarmoniche di cui avrete bisogno. Sulla destra del pannello anteriore troverete poi il pulsante Mute che mette in muto la D.I. lasciando però attiva l’uscita dell’accordatore, in modo da potervi accordare anche quando l’ampli è silenzioso. Subito sopra, troverete l’uscita D.I. XLR dotata di interruttore Pre/Post Eq., mentre alla sua destra il controllo Output e le uscite Tuner e Line Out.

Per quanto riguarda il pannello posteriore, qui troverete le connessioni dell’Fx Loop (seriale), un ingresso Line Input, per collegare al finale un qualsiasi dispositivo audio esterno o un differente preamplificatore, e l’ingresso per il footswitch a 4 vie (che da quanto ho capito non dovrebbe essere in dotazione). Questa pedaliera controlla il compressore, il Mute, il Valve Drive e l’equalizzatore. Oltre a queste connessioni, troverete anche i due connettori Speakon, attraverso i quali potrete collegare la testata al/ai cabinet. Come avrete capito, si tratta di un amplificatore davvero completo, molto ricco, costruito per musicisti davvero esigenti. In più la grande versatilità a livello sonoro lo rende ancora più appetibile, specialmente per quei bassisti che necessitano di un amplificatore in grado di spaziare tra innumerevoli generi musicali

L’ABM 500 EVO III è inoltre disponibile in due versioni combo: l’ABM C115-500 EVO III Combo, con un singolo cono da 15″ e l’ABM C210T-500 EVO III Combo, con 2 coni da 12″ più un tweeter, quindi ne troverete un modello adatto ad ogni esigenza! L’ultima nota in favore di questo bell’amplificatore è il prezzo, tra i 420 e i 480 € per le testate e circa 680 € per le versioni combo.

Per maggiori informazioni consultare il sito web.

Articoli correlati

  • Ashdown ABM 500/500 RC EVO III Head, alcuni videoAshdown ABM 500/500 RC EVO III Head, alcuni video Ecco qua alcuni filmati sull'ABM 500 EVO III Head della Ashdown, l'amplificatore per basso di cui vi ho parlato nell'articolo precedente. Si tratta di una review e alcune clip […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2003Un Disco Italiano All’Anno: 2003 Morgan - Canzoni Dell'Appartamento Al debutto da solista dopo l'esperienza con i Bluvertigo, Morgan realizza un'opera avulsa da qualsiasi contesto musicale. Ogni brano ha […]
  • Un Disco All’Anno: 2007Un Disco All’Anno: 2007 The National - Boxer Lo stile chitarristico e le ritmiche che hanno contraddistinto band ben più “selvagge” negli anni passati, li ritroviamo anche in questo album, […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2006Un Disco Italiano All’Anno: 2006 Vinicio Capossela - Ovunque Proteggi L'eclettico cantautore di origini campane riesce sempre a sorprendere il proprio pubblico. Non possiamo infatti rinchiudere la sua […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alessio Falsini 30 anni; laureato in lingue, suona il basso e la chitarra elettrica dall'età di 16, autodidatta, e a tempo perso si dedica all'apprendimento del banjo. Tecnico del suono oltre che musicista, studia e sperimenta tecniche di registrazione ed amplificazione.