Black Heart Hothead

L’idea di oggi era quella di parlarvi di un ampli per basso, ma come potrete notare, alla fine ho optato per una testata per chitarra. Ora vi spiego perché: stavo aprendo il sito di Ampeg per dare un’occhiata alle caratteristiche tecniche di un ampli, quando ho notato in basso a sinistra un banner che rimandava ad un sito di una casa affiliata al gruppo. Questa ditta si chiama Black Heart: mi ha subito incuriosito e così sono andato a dare un occhiata.

Non potete immaginare la sorpresa nel vedere i modelli proposti da questa casa; dal più piccolo ampli da 1W, tipicamente casalingo (ma in versione testata!), alla più classica testa da 100W, passando per modelli intermedi (da 5W e 15W). In effetti detta così non sembra niente di interessante, ma lasciate che vi parli delle caratteristiche di questo ampli.

Il modello in questione si chiama Hothead e come ho già detto si tratta di un 100W completamente valvolare, dotato di rectifier solid state. La cosa interessante è che possiede uno switch che rende possibile la scelta di un’amplificazione in classe A, oppure AB. Inoltre, dispone di un ulteriore selettore (pentode/triode) che permette di dimezzare la potenza. Tutto ciò rende possibile una grande varietà di suoni.

L’ampli dispone inoltre di 2 canali indipendenti, Loud e F’N Loud, di tube driven fx loop utilizzabile in serie o in parallelo (selezionbile tramite uno switch) e bypassabile. Inoltre quando gli effetti sono bypassati, il loop può essere utilizzato come volume boost. La selezione dei canali e del loop/boost è affidata ad un pedale.

Caratteristiche tecniche:

– potenza: 100W in classe AB a piena potenza (pentode)/50W a metà potenza (triode); 60W in classe A a piena potenza (pentode)/30W a metà potenza (triode)
– switch pentode/triode
– preamp: 4 x EL34
– finale: 6 x 12AX7
– 2 canali: Luod, con controlli drive, level, treble, middle e bass; F’N Loud, con controlli gain, level, treble, middle e bass
– controlli master condivisi: master presence, master volume
– rectifier solid state
– loop effetti: tube driven, condiviso, utilizzabile in serie o parallelo
– fx loop bypass utilizzabile anche come boost
– pedale per la selezione dei canali, fx loop/boost
– uscite: jack da ¼”, 1 x 16 ohm, 2 x 8 ohm e 2 x 4 ohm

Questo ampli possiede caratteristiche davvero interessanti e un’eccezionale funzionalità e versatilità. Ho dato un’occhiata ad alcune dimostrazioni su internet e sono davvero convinto che sia un ottimo strumento.

Il prezzo è di circa 550 – 650 €.

Per maggiori informazioni consultare il sito ufficiale Black Heart.

Articoli correlati

  • Un Disco All’Anno: 2002Un Disco All’Anno: 2002 Interpol - Turn On The Bright Lights Sempre da New York (casa madre degli Strokes) arriva un altro terremoto nel mondo della musica indipendente. In questo caso non si […]
  • Un Disco All’Anno: 2005Un Disco All’Anno: 2005 Bloc Party - Silent Alarm I Bloc Party esordiscono con un album interessante, e cioè quel Silent Alarm che verrà riconosciuto come “figliol prodigo” del revival anni 80, con […]
  • Gibson SG Standard: Rock’n’Roll il suo secondo nomeGibson SG Standard: Rock’n’Roll il suo secondo nome Non sono molte le cose da dire parlando di una Gibson SG; molti sapranno già di che strumento si tratta, come suona e quali sono le sue principali caratteristiche. In ogni caso […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2003Un Disco Italiano All’Anno: 2003 Morgan - Canzoni Dell'Appartamento Al debutto da solista dopo l'esperienza con i Bluvertigo, Morgan realizza un'opera avulsa da qualsiasi contesto musicale. Ogni brano ha […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alessio Falsini 30 anni; laureato in lingue, suona il basso e la chitarra elettrica dall'età di 16, autodidatta, e a tempo perso si dedica all'apprendimento del banjo. Tecnico del suono oltre che musicista, studia e sperimenta tecniche di registrazione ed amplificazione.