Oggi voglio parlarvi di un ampli per basso svedese, l’HD350 della EBS. Si tratta di una testata da 2 unità rack, compatta e abbastanza trasportabile (circa 9 Kg.), ma soprattutto potente e in grado di sprigionare un sound di qualità davvero eccellente e in grado di adattarsi a qualsiasi situazione. Nei prossimi paragrafi cercherò di descrivervelo meglio.

L’HD350 è un ampli 100% solid state, dotato di 350W di potenza in classe A (tutto ciò di cui avrete bisogno, anche un un grande palco!). Possiede una semplice ed intuitivissima sezione di equalizzazzione, molto efficace per scolpire il vostro suono, qualsiasi sia il genere che preferiate. Per lavorare sul sound, oltre ai controlli di Basse, Alte e Medie (parametriche, che diventano un notch filter sotto un certo livello di taglio), disporrete anche di un filtro Bright (un potenziometro, non un semplice pulsante!), di un Character filter switch per modificare lo shaping del vostro basso direttamente prima di entrare nella sezione di equalizzazione, di un compressore/limiter e un comodissimo controllo Drive che emula una saturazione valvolare.

Sempre sul pannello anteriore troverete, poi, un’uscita DI XLR bilanciata con gli switch dedicati – Post Eq e Ground Lift -, mentre nel pannello posteriore saltano immediatamente all’occhio le due connessioni Speakon che possono supportare un carico da 2 a 8 Ohm, il loop effetti, un ingresso Power Amp In e una Line Out. Oltre a queste connessioni, in basso a destra troverete un importante “blocchetto” di 4 switch: i primi due servono per attivare la phantom power nell’Input e nell’Fx Return, opzione utile molto se utilizzate effetti EBS, perché vi permetterà di alimentarli! Il terzo interruttore serve invece a selezionare la modalità del loop effetti tra seriale o parallelo, mentre il quarto per attivare la simulazione Speaker Emulation nell’uscita XLR.

Come avrete capito, si tratta di un amplificatore davvero completo, equipaggiato con numerose funzioni aggiuntive (compressore/limiter, sezione overdrive, phantom power, loop seriale/parallelo, simulazione speaker, ecc…) che lo rendono ancor più appetibile e soprattutto estremamente competitivo rispetto a molti dei suoi concorrenti. Altro grosso punto a suo favore è il prezzo, circa 800 € nuovo e intorno ai 550 – 650 € usato, che per un ampli professionale e di questo livello non sono davvero niente!

Per maggiori informazioni consultare la pagina web.

Articoli correlati

  • Un Disco Italiano All’Anno: 2006Un Disco Italiano All’Anno: 2006 Vinicio Capossela - Ovunque Proteggi L'eclettico cantautore di origini campane riesce sempre a sorprendere il proprio pubblico. Non possiamo infatti rinchiudere la sua […]
  • Markbass F1: leggero e potente come una fuoriserieMarkbass F1: leggero e potente come una fuoriserie Oggi voglio parlarvi di un amplificatore per basso italianissimo, l'F1 della Markbass. Si tratta di una testata che, grazie a caratteristiche tecniche formidabili, dimensioni […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2003Un Disco Italiano All’Anno: 2003 Morgan - Canzoni Dell'Appartamento Al debutto da solista dopo l'esperienza con i Bluvertigo, Morgan realizza un'opera avulsa da qualsiasi contesto musicale. Ogni brano ha […]
  • Shure SM57: pratico, economico e di grande qualitàShure SM57: pratico, economico e di grande qualità Dopo molto tempo dall'ultimo articolo, oggi voglio ritornare sul tema microfoni. Ciò di cui vi parlerò, però, non è un microfono studiato per la voce, ma per la microfonazione […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alessio Falsini 30 anni; laureato in lingue, suona il basso e la chitarra elettrica dall'età di 16, autodidatta, e a tempo perso si dedica all'apprendimento del banjo. Tecnico del suono oltre che musicista, studia e sperimenta tecniche di registrazione ed amplificazione.