Quando parliamo di amplificatori per basso solid state, l’apice della qualità, a mio avviso si raggiunge con Gallien-Krueger. Qualcuno potrebbe avere qualcosa da ridire con la mia affermazione, dato che da qualche anno a questa parte c’è anche la Mark Bass che si è imposta nel mercato, guadagnandone una bella fetta. Dal canto mio, preferisco la buona e vecchia Gallien, e l’ampli di cui voglio parlarvi oggi è uno dei suoi prodotti più interessanti: il 1001 RB-II.

Con una potenza di 700W a 4 ohm (o 460 a 8 ohm), più un sistema Bi-Amp Horn da 50W che si occupa esclusivamente delle alte frequenze, non mancherete certo di potenza, nemmeno sul palco di un grande festival rock! Mi sembra superfluo aggiungere che per sfruttare il sistema Bi-Amp avrete bisogno di una cassa Gallien-Krueger. Per scolpire il vostro sound, l’ampli vi mette a disposizione un equalizzatore attivo a quattro bande (basse, medio basse, medio alte e alte). Al contrario di quello di tanti altri amplificatori, si tratta di un filtro estremamente intutitivo ed efficace.

Per modellare ulteriormente il suono potrete poi utilizzare gli altri filtri, presenza e contour. Per quanto riguarda quest’ultimo controllo, avrete a disposizione uno switch col quale selezionare il tipo di basso che state utilizzando, 4/5+ corde, attraverso il quale avrete possibilità di modificare la risposta del parametro. In più, il 1001 RB-II, come tutti gli ampli di questa serie, possiede il boost, un effetto che ricalca il suono valvolare e che può essere aggiunto a piacimento al vostro set up.

Una caratteristica unica di questo ampli (e di tutta la serie, a parte il 400 RB-IV), è quella di avere i controlli separati per il volume di uscita di tweeter e woofer. È una scelta inconsueta (possibile grazie al sistema Bi-Amp) che però si rivela davvero utile, dato che permette di miscelare le sonorità di coni e tweeter a piacimento, e di creare così un suono ancora più personalizzato. L’ampli dispone inoltre di loop effetti, tuner out, uscita XLR bilanciata con volume dedicato, switch ground/lift e pre/post eq, due uscite Speakon e due jack 1/4″.

Tutte queste caratteristiche sono racchiuse da uno chassis in alluminio, costruito di modo da occupare due unità rack da 19″ e raffreddato, oltre che dai classici dissipatori, da una ventola (silenziosa, a differenza di quella degli Ampeg). Il prezzo di questo ampli è di circa 750 – 900 € e se lo trovate usato potreste fare qualche buon affare!

Per maggiori informazioni consultare il sito Gallien-Krueger.

Articoli correlati

  • Un Disco Italiano All’Anno: 2002Un Disco Italiano All’Anno: 2002 Valentina Dorme - Capelli Rame Un album avvolgente, pieno di poesia ed immagini evocative, che fa persino tornare alla mente il maestro De Andrè. Queste sono le credenziali […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2006Un Disco Italiano All’Anno: 2006 Vinicio Capossela - Ovunque Proteggi L'eclettico cantautore di origini campane riesce sempre a sorprendere il proprio pubblico. Non possiamo infatti rinchiudere la sua […]
  • Un Disco All’Anno: 2002Un Disco All’Anno: 2002 Interpol - Turn On The Bright Lights Sempre da New York (casa madre degli Strokes) arriva un altro terremoto nel mondo della musica indipendente. In questo caso non si […]
  • Un Disco All’Anno: 2005Un Disco All’Anno: 2005 Bloc Party - Silent Alarm I Bloc Party esordiscono con un album interessante, e cioè quel Silent Alarm che verrà riconosciuto come “figliol prodigo” del revival anni 80, con […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alessio Falsini 30 anni; laureato in lingue, suona il basso e la chitarra elettrica dall'età di 16, autodidatta, e a tempo perso si dedica all'apprendimento del banjo. Tecnico del suono oltre che musicista, studia e sperimenta tecniche di registrazione ed amplificazione.