Gibson SG Standard blog

Non sono molte le cose da dire parlando di una Gibson SG; molti sapranno già di che strumento si tratta, come suona e quali sono le sue principali caratteristiche. In ogni caso in questo articolo approfondiremo l’argomento per tutti coloro che sono interessati a conoscere le specifiche approfondite di questa chitarra.

Data l’enorme gamma di modelli disponibili ho scelto di parlare della versione Standard, che in fondo è la più diffusa. Immediatamente riconoscibile per la sua forma, arrotondata nel body e dalle ormai leggendarie punte, è diventata la scelta prediletta di numerosi tra gli artisti più conosciuti. Quando si parla di questo strumento è impossibile non pensare al connubio SG-Angus Young, o SG-Tony Iommi (solo per citarne un paio). Ed è proprio grazie ad artisti come loro che questa chitarra è rapidamente entrata nell’Olimpo della chitarra elettrica.

Tornando allo strumento in se, soffermiamoci ora sulle sue caratteristiche: composta da un corpo in mogano selezionato, questo viene collegato al manico (anch’esso in mogano), attraverso il classico incollaggio che caratterizza gli strumenti di casa Gibson. Con questa tipologia di unione neck-through-body, lo strumento acquista maggiore risonanza e più sustain. La tastiera è in palissandro e dotata di 22 tasti, mentre l’elettronica è composta da due humbucker, un 490R al manico e una 498T al ponte, la classica configurazione 2 toni 2 volumi e uno switch a 3 posizioni.

Le meccaniche sono vecchio stile, le Grover Kluson Style verdi e il ponte il tipico Tune-O-Matic. Inoltre questo modello è anche dotato di copri pickup cromati, binding crema sul manico e segnatasti trapezioidali che ne arricchiscono la linea, donando maggior classe allo strumento. La chitarra viene consegnata corredata di custodia rigida ed è disponibile in 2 diverse colorazioni, Ebony e la più vintage Heritage Cherry.

Come ho detto nell’introduzione, si tratta di una chitarra che non ha bisogno di presentazioni, quindi non è necessario che vi dica come suona e quale siano i generi in cui si destreggia meglio; ciò che ci tengo ad affermare è che si tratta di una chitarra che sia adatta molto bene un po’ a tutto, dotata di grande suono e di un prezzo decisamente abbordabile, cosa che non guasta assolutamente!

Il costo è più o meno di 1000 – 1100 € nuova e 700 – 800 € usata. Se poi preferite uno strumento d’annata (anni ’70, magari) ve la potete portare a casa con circa 1500 – 2000 € (e la differenza non sta solo nel prezzo, garantisco…).

Per informazioni più dettagliate visitare il sito Gibson.

Cercasi Programmatore Javascript

Articoli correlati

  • Un Disco All’Anno: 2002Un Disco All’Anno: 2002 Interpol - Turn On The Bright Lights Sempre da New York (casa madre degli Strokes) arriva un altro terremoto nel mondo della musica indipendente. In questo caso non si […]
  • Blackstar HT-Dual: distorsore o amplificatore?Blackstar HT-Dual: distorsore o amplificatore? L'oggetto di cui vi parlerò oggi è un pedale. Beh, chiamarlo pedale è un po' riduttivo (e offensivo, forse!) dato che ciò che abbiamo di fronte è un distorsore valvolare a 2 […]
  • La fenice di casa Gibson: i videoLa fenice di casa Gibson: i video Nel secondo articolo che ho postato ieri ho parlato della mitica Gibson Firebird, un gioiello vintage molto apprezzato tra i collezionisti della casa americana. Dato che come ho […]
  • Black Heart Hothead: 100W di innovazioniBlack Heart Hothead: 100W di innovazioni L'idea di oggi era quella di parlarvi di un ampli per basso, ma come potrete notare, alla fine ho optato per una testata per chitarra. Ora vi spiego perché: stavo aprendo il […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alessio Falsini 30 anni; laureato in lingue, suona il basso e la chitarra elettrica dall'età di 16, autodidatta, e a tempo perso si dedica all'apprendimento del banjo. Tecnico del suono oltre che musicista, studia e sperimenta tecniche di registrazione ed amplificazione.