scala cromatica

Per intervallo musicale si intende la differenza di frequenza sonora tra due note, ovvero tutte le altre note che intercorrono tra le due. Prende il nome di semitono l’unità di misura più piccola per quantificare questa differenza in termini musicali: ad esempio un Semitono è l’intervallo che intercorre tra due tasti (note) consecutivi della chitarra o anche del pianoforte, considerando per quest’ultimo quello nero o quello bianco immediatamente successivo; è quindi l’intervallo musicale minimo.
Si chiama invece tono un intervallo musicale formato da due semitoni.

La Scala Cromatica

Si chiama scala cromatica quella scala musicale (successione di note) formata da soli intervalli minimi e che quindi comprende tutte le note esistenti tra una di partenza ed una di arrivo: viene da sè che la scala cromatica è composta da note ciascuna distante un semitono da quella successiva. Ad esempio, per eseguire una scala cromatica sulla chitarra basta suonare uno dopo l’altro tutti i tasti in serie ascendente o discendente.
E’ utile sapere che tra una nota e la nota stessa successiva sulla scala cromatica (es. da Do al Do successivo) intercorrono sempre 12 semitoni.

Articoli correlati

  • La Chiave di violino o chiave di SolLa Chiave di violino o chiave di Sol Come abbiamo già visto, la chiave di violino è un segno convenzionale per dare il nome alle note sul pentagramma. Essa viene utilizzata per spartiti che fanno largo uso delle […]
  • Il punto, il doppio punto e la durata delle noteIl punto, il doppio punto e la durata delle note Un punto a destra di una nota (o di una pausa) funge da modificatore della durata della stessa. Per l'esattezza ne prolunga tale durata di un'ulteriore metà. In altre parole, […]
  • Il doppio pentagrammaIl doppio pentagramma Strumenti quali l'arpa, il pianoforte ed i derivati di quest'ultimo (fisarmonica, harmonium, celesta) possiedono un'estensione tale da permettere contemporaneamente parti di […]
  • Le alterazioni musicali: Diesis, Bemolle, BequadroLe alterazioni musicali: Diesis, Bemolle, Bequadro Si chiamano alterazioni (oppure, in gergo informale, "accidenti") quei simboli che, posti sul pentagramma, modificano l'esecuzione delle note su cui influiscono aumentandole o […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 29 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO. Twitter @albertomoneti