Oggi voglio proporvi di un bel chorus per chitarra, il CS9 Stereo Chorus della Ibanez. Si tratta di un pedale che ha fatto la storia del chorus. Introdotto negli anni ’70, è stato subito apprezzato da numerosi chitarristi, sia professionisti che amatori. Negli ultimi tempi era stato messo fuori produzione, ma per fortuna Ibanez ha deciso di riproporlo attraverso una reissue.

Il pedale si presenta come nella vecchia edizione: una solida scatoletta in metallo verniciata di viola chiaro, con gli stessi due controlli, Speed e Rate, ingresso mono e uscite stereo. Anche la circuitazione (garantisce Ibanez) è la stessa, identica in tutto a quella originale. Può essere alimentato sia tramite alimentatore esterno, sia con una batteria da 9V. Il suono è molto bello, brillante, ma allo stesso modo ricco sulle basse. Se la cava benissimo coi distorti, anche se è coi puliti che dà il meglio di sé.

È possibile ottenere un’ampia gamma di sonorità: con velocità moderate e dosi di Rate non troppo eccessive il CS9 è in grado di elaborare modulazioni molto delicate. Portando i controlli verso ore 10/11 si passa invece alle tipiche sonorità anni ’80, davvero belle! Aumentando velocità e profondità si arriva a sonorità vibranti molto particolari. Utilizzandolo in stereo si ottine un bell’effetto, molto più spaziato. Purtroppo non possiede un output true bypass, ma si può facilmente modificare, risolvendo il problema. Esistono anche alcune mod interessanti che, aumentando la velocità dell’effetto, sono in grado di far suonare il pedale in stile leslie.

Il CS9 è un chorus davvero ben fatto e dal sound molto interessante, sicuramente uno dei migliori chorus vintage mai prodotti. Rappresenta senza dubbio la più valida alternativa all’apprezzatissimo CE-2 della Boss (che è forse un po’ più caldo, ma meno brillate). Il prezzo, poi, lo rende davvero competitivo rispetto a molti suoi rivali: 120 – 130 € nuovo e 80 – 90 € usato. Se poi voleste la versione vintage anni ’70/’80, la troverete a qualche spicciolo in più, 100 – 110 € in media.

Per maggiori informazioni consultare il sito internet.

Articoli correlati

  • Un Disco All’Anno: 2001Un Disco All’Anno: 2001 The Strokes - Is This It? Is this it? è il vero è proprio spartiacque della musica indie rock degli ultimi dodici anni. Casablancas e soci hanno dato vita, non solo ad un […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2005Un Disco Italiano All’Anno: 2005 Afterhours - Ballate Per Piccole Iene Album di successo che conferma, qualora ce ne fosse ancora bisogno, quanto gli Afterhours siano una creatura musicale tutta da […]
  • Un Disco All’Anno: 2005Un Disco All’Anno: 2005 Bloc Party - Silent Alarm I Bloc Party esordiscono con un album interessante, e cioè quel Silent Alarm che verrà riconosciuto come “figliol prodigo” del revival anni 80, con […]
  • Un Disco Italiano all’Anno: 2007Un Disco Italiano all’Anno: 2007 A Toys Orchestra - Technicolor Dreams E' il 2007 quando, finalmente, un'indie-pop di pregiata fattura si affaccia finalmente nel nostro bel paese. Gli A Toys Orchestra ci […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alessio Falsini 30 anni; laureato in lingue, suona il basso e la chitarra elettrica dall'età di 16, autodidatta, e a tempo perso si dedica all'apprendimento del banjo. Tecnico del suono oltre che musicista, studia e sperimenta tecniche di registrazione ed amplificazione.