Strumenti quali l’arpa, il pianoforte ed i derivati di quest’ultimo (fisarmonica, harmonium, celesta) possiedono un’estensione tale da permettere contemporaneamente parti di melodia ed altre di accompagnamento. Ciò è dovuto alla ampia gamma di note che essi sono in grado di produrre.
Per poter leggere agevolmente queste informazioni su di uno spartito, questi strumenti si avvalgono del doppio pentagramma:

  • Quello soprastante in chiave di violino, per le note più acute.
  • Quello sottostante in chiave di basso, per le note più gravi.

Vengono tenuti assieme da una parentesi graffa, per indicare che vanno letti contemporaneamente.
Nel caso del pianoforte dell’harmonium poi, questa suddivisione spesso coincide con la ripartizione tra partitura per la mano destra (pentagramma soprastante) e partitura per la mano sinistra (sottostante).

Vi è infine un’unica eccezione all’utilizzo di pentagramma semplice e doppio: quello dell’organo, che utilizza ben tre pentagrammi. I primi due per la tastiera (rispettivamente chiave di violino per la mano destra e chiave di basso per la sinistra) ed il terzo, anch’esso in chiave di basso, per la pedaliera [vedi figura sotto].

Articoli correlati

  • Tempi Semplici e Tempi CompostiTempi Semplici e Tempi Composti Abbiamo visto che la frazione posta all'inizio del pentagramma prende il nome di tempo e che indica il valore complessivo di cui si compone ogni battuta. Tali tempi si […]
  • Il Pentagramma e la posizione delle noteIl Pentagramma e la posizione delle note Il Pentagramma sono i 5 righi orizzontali, posti parallelamente uno sopra l'altro, entro i quali si determinano le posizioni di ciascuna nota musicale. Esso si costruisce […]
  • Le pause e i loro valori musicaliLe pause e i loro valori musicali La pausa in musica rappresenta il contrario della nota, ovvero il non-suono. Il concetto di valore musicale, cioè di durata delle note, è applicabile anche ai silenzi e a […]
  • Utilizzo delle chiavi musicaliUtilizzo delle chiavi musicali Consideriamo la seguente domanda: "Se le note che taluni strumenti sono in grado di eseguire (vedi ad esempio il pianoforte) sono così tante, come le si può rappresentare […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 29 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO. Twitter @albertomoneti