La chiave di basso può essere considerata complementare a quella di violino in quanto serve per le partiture in cui si fa largo uso di note basse (suoni gravi): solitamente questo significa sotto il Do centrale.
Come quella di violino, anche quella di basso è la rappresentazione grafica della corrispondente lettera maiuscola della notazione anglosassone: la lettera F, che corrisponde alla nota Fa. Essa difatti individua il Fa sul rigo a cavallo dei suoi due puntini, ovvero il quarto rigo.

Leggono in chiave di basso il violoncello, contrabbasso, trombone, tuba. Il pianoforte e l’arpa la utilizzano col doppio pentagramma, assieme alla chiave di violino.
Le voci umane che la utilizzano sono quelle maschili più gravi, cioè baritono e basso.

Articoli correlati

  • La Chiave di violino o chiave di SolLa Chiave di violino o chiave di Sol Come abbiamo già visto, la chiave di violino è un segno convenzionale per dare il nome alle note sul pentagramma. Essa viene utilizzata per spartiti che fanno largo uso delle […]
  • Utilizzo delle chiavi musicaliUtilizzo delle chiavi musicali Consideriamo la seguente domanda: "Se le note che taluni strumenti sono in grado di eseguire (vedi ad esempio il pianoforte) sono così tante, come le si può rappresentare […]
  • La Legatura di ValoreLa Legatura di Valore Come indicare una nota che si estende a cavallo di due battute? E' per questa esigenza che è nata la legatura di valore: essa consiste in un ponte (o un arco se preferite) che […]
  • Le pause e i loro valori musicaliLe pause e i loro valori musicali La pausa in musica rappresenta il contrario della nota, ovvero il non-suono. Il concetto di valore musicale, cioè di durata delle note, è applicabile anche ai silenzi e a […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 29 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO. Twitter @albertomoneti