M-Audio Fastrack Pro blog

Qualche tempo fa abbiamo parlato di un’interfaccia audio MOTU, un prodotto professionale di altissima qualità, ma non alla portata di tutti. Oggi voglio invece parlarvi di un prodotto un po’ più economico, perfetto per l’home recording, ma anche ottimo per registrare un demo col vostro gruppo.

Si tratta della Fast Track Pro di M-Audio, una scheda d’acquisizione sonora USB piccola, compatta e dalle discrete funzionalità. È perfetta per chi si diletta con le proprie creazioni, sia che si tratti di un musicista, o di un DJ. Dotata di due ingressi preamplificati Mic/Line, ingressi S/PDIF e MIDI I/O, dispone di tutto il necessario per una registrazione di alta qualità.

M-Audio Fastrack Pro front-back blog

Questa M-Audio è inoltre dotata di doppio insert (uno per canale) per poter collegare unità effetti esterne, doppia uscita cuffie (con switch A/B sul pannello frontale) e out level, 4 uscite main RCA, master out e interruttore Phantom Power e pad su i due ingressi. Cosa molto utile non necessita di alimentazione esterna (ma in caso il vostro pc non ce la faccia ad alimentarla o vogliate utilizzarla come standalone è disponibile una presa corrente).

M-Audio Fastrack Pro blog2

Caratteristiche tecniche:

  • 2 ingressi jack/XLR
  • 2 output bilanciati (¼” TRS)
  • 4 output sbilanciati (¼” TRS)
  • 2 insert jack (¼” TRS)
  • S/PDIF digital I/O con 2 canali PCM
  • MIDI I/O
  • uscita cuffie (¼” TRS) con controllo volume
  • selettore cuffie A/B per cueing DJ style
  • controllo master output
  • latenza hardware pressoché inesistente
  • monitoraggio software ASIO a bassa latenza
  • connessione USB 2.0
  • possibilità di alimentazione tramite trasformatore (opzionale)
  • compatibile sia con Mac e PC
  • software Ableton Live Lite incluso

Il prezzo a negozio della Fast Track Pro è di circa 190 – 200 €, ma sulla rete potete trovarla a partire da 130 €.

Per maggiori informazioni consultare il sito M-Audio.

Articoli correlati

L'autore del post

Foto dell'autore
Alessio Falsini 30 anni; laureato in lingue, suona il basso e la chitarra elettrica dall'età di 16, autodidatta, e a tempo perso si dedica all'apprendimento del banjo. Tecnico del suono oltre che musicista, studia e sperimenta tecniche di registrazione ed amplificazione.