Music Man John Petrucci BFR 7 2

È da un po’ di tempo che non parlo di chitarre, e oggi voglio colmare la lacuna presentandovi uno strumento davvero unico: la Music Man John Petrucci BFR 7. Per chi non lo sapesse, si tratta di un modello signature dedicato al grande virtuoso, chitarrista dei Dream Theater. Tengo a specificare fin da subito (visto che ne esistono vari tipi) che si tratta della versione a 7 corde. In ogni caso lo strumento è prodotto in molte varianti, tra cui standard 6 corde, standard 7corde, BFR 6 corde, BFR 7, e BFR Baritone.

Vi starete chiedendo, penso, che cosa significhi BFR. Si tratta della carateristica più interessante di questo strumento: sta a significare che è un esemplare della Ball Family Reserve, e quindi fa parte del meglio di ciò che la casa statunitense riesce a sfornare dalle proprie “officine”. Detto questo, credo sia superfluo aggiungere che è una chitarra di qualità superiore, sia da un punto di vista costruttivo, sia sonoro, che di suonabilità stessa dello strumento.

Molti però penseranno che, viste le caratteristiche più salienti della chitarra, si tratterà di sicuro di uno strumento adatto al solo genere metal. Niente di più sbagliato. Purtroppo circolano molte voci errate su chitarre a 7 corde come la Music Man in questione. Bisognerebbe che la provaste e capireste che è possibile suonarci un po’ di tutto: dal rock un genere al jazz.

Music Man John Petrucci BFR 7

Proprio così, jazz. La John Petrucci signature è infatti dotata di trasduttore piezo, che amplifica le caratteristiche sonore dello strumento in maniera inimmaginabile, aprendogli un’infinità di nuovi orizzonti e possibilità d’utilizzo, che fino a poco fa non era possibile nemmeno pensare. Si tratta in effetti di una chitarra modernissima: la sua progettazione, a differenza di quella della maggior parte delle chitarre più conosciute, che se va bene risale agli anni ottanta, se non addirittura al secondo dopoguerra (Strato, Tele, ad esempio…), è recentissima (alcuni particolari risalgono al 2000, altri sono stati rivisti nel 2007!).

Nelle prossime ore pubblicherò la seconda parte dell’articolo: mi raccomando, controllate il sito!

Articoli correlati

  • Un Disco Italiano All’Anno: 2005Un Disco Italiano All’Anno: 2005 Afterhours - Ballate Per Piccole Iene Album di successo che conferma, qualora ce ne fosse ancora bisogno, quanto gli Afterhours siano una creatura musicale tutta da […]
  • Un Disco All’Anno: 2002Un Disco All’Anno: 2002 Interpol - Turn On The Bright Lights Sempre da New York (casa madre degli Strokes) arriva un altro terremoto nel mondo della musica indipendente. In questo caso non si […]
  • Corso di Chitarra 8 – Come leggere le tablatureCorso di Chitarra 8 – Come leggere le tablature Dopo una doverosa introduzione a questo sistema di scrittura musicale (che se non avete letto vi consiglio di fare qui prima di proseguire), passiamo a comprenderne l'esatto […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2008Un Disco Italiano All’Anno: 2008 Le Luci Della Centrale Elettrica - Canzoni Da Spiaggia Deturpata Il cantautorato italiano si evolve, e il progetto de Le Luci Della Centrale Elettrica (nome sotto il quale […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alessio Falsini 30 anni; laureato in lingue, suona il basso e la chitarra elettrica dall'età di 16, autodidatta, e a tempo perso si dedica all'apprendimento del banjo. Tecnico del suono oltre che musicista, studia e sperimenta tecniche di registrazione ed amplificazione.