Vi pubblico una demo illuminante sulle potenzialità del capostipite della Modular: in questo video vengono elaborate dal vivo delle patch editate precedentemente col software. E’ un piacere vedere questo strumento in delle mani che lo sanno utilizzare appieno.

Voglio pubblicare anche alcuni lavori di sperimentazione ad opera di un musicista giapponese, tale “Orthologue”, che del Nord Modular ne ha fatto una ragione di vita; non serve ascoltarli per intero, ma scorrendone tra le varie parti si percepisce l’originalità delle timbriche ricavabili da questo strumento.

Articoli correlati

  • Un Disco All’Anno: 2005Un Disco All’Anno: 2005 Bloc Party - Silent Alarm I Bloc Party esordiscono con un album interessante, e cioè quel Silent Alarm che verrà riconosciuto come “figliol prodigo” del revival anni 80, con […]
  • Nord Modular G1: un classico dalle infinite possibilitàNord Modular G1: un classico dalle infinite possibilità 18 knob assegnabili + master volume, 18 pulsanti, 2 ottave, una rotella: il Nord Modular (così come i modelli successivi G2 e G2X) rappresenta l'alternativa della svedese […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2005Un Disco Italiano All’Anno: 2005 Afterhours - Ballate Per Piccole Iene Album di successo che conferma, qualora ce ne fosse ancora bisogno, quanto gli Afterhours siano una creatura musicale tutta da […]
  • Un Disco All’Anno: 2001Un Disco All’Anno: 2001 The Strokes - Is This It? Is this it? è il vero è proprio spartiacque della musica indie rock degli ultimi dodici anni. Casablancas e soci hanno dato vita, non solo ad un […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 31 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO. Twitter @albertomoneti