Eccoci ancora qua a discutere di amplificatori. Il modello che voglio presentarvi oggi è il 6505 Plus della Peavey, una testata dalla potenza straordinaria e dal sound davvero portentoso. Diretto discendente del famoso 5150, (progettato sotto specifiche di Van Halen) e amato da metallari e rocker di tutto il mondo, questo ampli non si limita però soltanto alle sonorità aggressive. Vi basterà provarlo con strumenti un po’ più vintage per rendervi conto che ha molto da dire anche su generi apparentemente incompatibili con tutto il gain di cui dispone – prendete una Les Paul e provate un bluesettone, per esempio: ne rimarrete impressionati! Nei prossimi paragrafi cercherò di descrivervela e di farvi capire quali siano le sue principali caratteristiche.

Come già accennato, la 6505 Plus è una testata davvero potente. Dispone infatti di 120W di pura potenza valvolare, erogati da un pre dotato di 6 valvole 12AX7 e un finale da 4 6L6GC. Il preamp possiede due canali, un Rhythm (con modalità Crunch, attivabile anche tramite la pedaliera) e un Lead. Una curiosità sta nel fatto che ognuno dei due canali utilizza due delle 6 valvole 12AX7. Le altre due vengono utilizzate una per il loop effetti e l’altra per il phase splitter. Tornando ai nostri due canali, la 6505 Plus, a differenza della 6505, ha una sezione di equalizzazione a 3 bande indipendente per ciascun canale, ognuno dei quali ha poi un doppio stage di gain (Pre e Post), molto utile per avere un perfetto controllo della saturazione del vostro sound.

Un’altra caratteristica interessante rispetto alla sorella minore (6505), sta nel possedere dei controlli indipendenti di Presence e Resonance per ogni canale. Questo vi darà la possibilità di rifinire al meglio il vostro suono, senza il fastidioso inconveniente di dover condividere questi importanti controlli. Va detto, poi, che il canale Rhythm possiede un Bright switch con cui aggiungere un po’ di brillantezza a crunch e puliti. Tra le altre caratteristiche interessanti della 6505 Plus, possiamo enumerare anche il Preamp Out, attraverso il quale si potrà o collegare il pre della testata ad un diverso finale, oppure utilizzare la connessione direttamente per la registrazione (tipo lo Slave Out presente in molte testate), il loop effetti, attivabile tramite footswitch (dotato di controlli Channel, Crunch e Effect) e la possibilità di collegare l’ampli a casse da 4, 8, o 16 Ohm.

Come suona:

Si tratta di un amplificatore davvero ben fatto, potente (anche troppo!) e dal sound molto molto aggressivo. Il canale Lead, che è poi il principale, possiede una quantità di gain pazzesca. Già a metà vi scompiglierà, lasciandovi a bocca aperta per la compattezza del muro di suono che la 6505 Plus è in grado di produrre. Se suonate hard rock o metal classico non avrete sicuramente bisogno di andare molto oltre. Intorno a 7/8 si trova il guadagno perfetto per qualsiasi tipo di metal estremo o hardcore; oltre… beh… pura distruzione! Come vi ho già anticipato nell’introduzione, non dovete però pensare che queste siano le unica applicazioni per questa testata. Con una quantità di gain più moderata (e con strumenti adatti) si ottengono anche dei bellissimi suoni blueseggianti. Il canale Rhythm può essere utilizzato sia come pulito (accettabile e abbastanza brillante, specialmente con lo switch attivo), sia come crunch, utilizzando l’apposito switch. Come pulito, ce ne sono tanti migliori, ma in fondo non è poi così pessimo. Come crunch non è male, anche se un po’ di gain in più non gli farebbe male (lo si potrebbe utilizzare come rhythm).

L’unico vero difetto – a parte il pulito migliorbile, sta nella potenza: 120W non sono facili da gestire. Si rischia di non riuscire a sfruttarli a dovere e in questo modo di non ricavare dall’ampli le sonorità desiderate. Per questa ragione, a meno che non suoniate spesso in campi da calcio o palazzetti, è consigliabile utilizzare il 6505 Plus assieme ad un attenuatore di potenza (l’Hot Plate della THD, per esempio), poiché vi permetterà di sfruttarlo al 100%. Si tratta di un oggetto un po’ costoso, ma ne rimarrete sicuramente più che soddisfatti! Per il resto il 6505 Plus è davvero un ottimo ampli, ben costruito, dal grande sound e dal prezzo molto competitivo – 1200 – 1300 € nuovo – soprattutto considerando il fatto che i cuoi concorrenti arrivano a costare due o tre volte tanto! Usato lo si trova a qualcosina meno: circa 1000 €.

Per maggiori informazioni consultare il sito internet.

Articoli correlati

  • Un Disco All’Anno: 2002Un Disco All’Anno: 2002 Interpol - Turn On The Bright Lights Sempre da New York (casa madre degli Strokes) arriva un altro terremoto nel mondo della musica indipendente. In questo caso non si […]
  • MXR Phase 90: la semplicità che pagaMXR Phase 90: la semplicità che paga Oggi voglio tornare sul tema effettistica. Vi parlerò di un effetto che fino ad oggi non ho ancora trattato, il phaser, e per far questo mi affiderò ad uno dei pedalini più […]
  • Un Disco All’Anno: 2005Un Disco All’Anno: 2005 Bloc Party - Silent Alarm I Bloc Party esordiscono con un album interessante, e cioè quel Silent Alarm che verrà riconosciuto come “figliol prodigo” del revival anni 80, con […]
  • Seymour Duncan Antiquity Series: back to the futureSeymour Duncan Antiquity Series: back to the future La magia di uno strumento vintage è data dalla somma di ogni particolare di cui è composto, dal più grande e vistoso, al più piccolo e apparentemente insignificante. Anche una […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2005Un Disco Italiano All’Anno: 2005 Afterhours - Ballate Per Piccole Iene Album di successo che conferma, qualora ce ne fosse ancora bisogno, quanto gli Afterhours siano una creatura musicale tutta da […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alessio Falsini 30 anni; laureato in lingue, suona il basso e la chitarra elettrica dall'età di 16, autodidatta, e a tempo perso si dedica all'apprendimento del banjo. Tecnico del suono oltre che musicista, studia e sperimenta tecniche di registrazione ed amplificazione.