La magia di uno strumento vintage è data dalla somma di ogni particolare di cui è composto, dal più grande e vistoso, al più piccolo e apparentemente insignificante. Anche una vite o un cavo o un pickup di una Strato del ’55, di un Precision del ’63 o di una Les Paul del ’57 hanno vissuto ogni singolo istante della gloria degli strumenti ai quali appartengono, invecchiando pian piano con loro. Proprio per questo motivo vanno a ben diritto considerati componenti fondamentali di quel sound che ancora incanta migliaia di musicisti e audiofili di tutto il mondo. Quando si parla specialmente di pickup, poi, l’invecchiamento è una componente davvero importante di cui tener conto, non solo per l’estetica, ma anche per il sound; è proprio per riprodurre quel suono unico e quell’aspetto da “veterani di mille battaglie” che la Seymour Duncan ha creato la serie di pickup denominata Antiquity. Oggi vi parlerò proprio di questa linea di trasduttori.

Tanto per iniziare bisogna specificare che la serie si di vide in due linee principali, la Antiquity, nata per riprodurre lo stesso sound dei pickup anni ’50 e la Antiquity II, che è dedicata invece agli anni ’60. È poi ulteriormente suddivisa in varie categorie, tra le quali ci sono Basso, Humbucker, Pickup in stile Strato, Pickup in stile Tele e Pickup Speciali, per alcuni strumenti con pickup non standard. Nella categoria Bass troverete ad esempio vari tipi di trasduttori Precision (sia split-coil, sia single-coil) e Jazz Bass style; nella categoria Humbucker troverete pickup P.A.F. style, mentre in quella Strato alcuni tipi di single-coil; In quella Telecaster ci sono invece, oltre a varie tipologie di pickup, anche un set completo di sellette in ottone. La categoria Pickup Speciali, è invece quella più variegata: qui troverete Mini-Humbucker, trasduttori per lap steel, Fender Jaguar, Jazzmaster, Mustang, vari tipi di P-90 ecc.

La cosa più interessante è che questi pickup non sono stati solamente costruiti (a mano!) per riprodurre fedelmente il sound originale degli strumenti per i quali sono stati pensati, ma hanno anche subito un invecchiamento dei materiali, di modo da apparire usurati dal tempo e da centinaia di concerti e sessioni di registrazione. Questa scelta costruttiva – in aggiunta alle caratteristiche sonore – li rende ancor più indicati per essere utilizzati come rimpiazzo per i pickup originali, nel caso questi siano rotti o mal funzionanti. Inoltre, sono la soluzione più semplice – e soprattutto economica – per ottenere quel sound tipico degli anni ’50 – ’60 che appassiona migliaia di musicisti, ma che normalmente è quasi impossibile da ottenere, considerando i prezzi di uno strumento d’annata!

I prezzi dei pickup della serie Antiquity variano – anche di molto – in base al tipo di trasduttore: si parte dai 70 – 80 €, fino ad arrivare ai 130 – 150 €.

Per maggiori informazioni consultare il sito internet.

Articoli correlati

L'autore del post

Foto dell'autore
Alessio Falsini 30 anni; laureato in lingue, suona il basso e la chitarra elettrica dall'età di 16, autodidatta, e a tempo perso si dedica all'apprendimento del banjo. Tecnico del suono oltre che musicista, studia e sperimenta tecniche di registrazione ed amplificazione.