Oggi voglio parlarvi di un humbucker per chitarra davvero “cattivo”, l’Invader SH-8 della Seymour Duncan. Si tratta di un trasduttore che ormai ha raggiunto una fama tale da non necessitare alcuna presentazione, ma che per dovere di cronaca vi presenterò ugualmente. È un humbucker passivo potentissimo, adatto a qualsiasi genere necessiti un gain super elevato, con distorsioni corpose e definite. È perfetto al ponte, specialmente per le ritmiche, ma esiste anche nella versione per il manico (un po’ più tranquillo in questo caso).

Come appena detto, l’SH-8 è un pickup passivo ultra high gain, creato con il preciso scopo di dare la più grande distorsione che un pickup passivo possa generare. Di conseguenza capirete che è ottimo in qualsiasi genere heavy: dal rock, al punk, al metal (anche il più estremo e brutale) è sempre una scelta azzeccata. È composto da tre magneti ceramici, le cui bobine possiedono un maggior numero di avvolgimenti rispetto alla norma; grazie a questa costruzione, il pickup produce una corrente più elevata che consente di mandare un segnale molto più potente all’amplificatore, generando così i crunch devastanti che lo contraddistinguono.

Possiede inoltre dodici poli a vite regolabili in altezza, con i quali potrete impostare il setup del pickup alla perfezione. In più, come già accennato, l’Invader è disponibile sia nella versione bridge – che è poi l’utilizzo più diffuso, sia nella versione neck, dove però possiede un gain minore, di modo da generare un sound più pulito, ma soprattutto più versatile ed appropriato alla posizione. Può essere ovviamente installato in qualsiasi chitarra, a patto che abbia uno scasso apposito per l’humbucker. Un discorso a parte va fatto invece per la versatilità: se avete bisogno di suoni molto potenti, corposi e ben definiti, allora questo è sicuramente il pickup che fa per voi, ma se cercate qualcosa con cui suonare anche dei buoni puliti… beh, forse dovreste cercare altrove. l’SH-8 è talmente potente da mandare in saturazione l’ingresso dell’ampli; i puliti che genererà saranno quindi sporchi e non molto belli. Diciamo che non è il pickup più adatto a funky, blues e jazz.

Il prezzo degli Invader è di circa 75 € nuovo, mentre usato si trova a più o meno 55 €.

Per maggiori informazioni consultare il sito internet.

Articoli correlati

  • Seymour Duncan Basslines SPB-3: il tuo basso non chiede di meglioSeymour Duncan Basslines SPB-3: il tuo basso non chiede di meglio Fino ad oggi non avevo mai affrontato il tema pickup; mi sembra però doveroso occuparsi di questa categoria, dato che si tratta dell'oggetto che più di ogni altro è […]
  • Un Disco All’Anno: 2006Un Disco All’Anno: 2006 Arctic Monkeys - Whatever People Say I Am, That's What I'm Not Oltre a frantumare record di vendite, il disco di debutto degli Arctic Monkeys è una vera e propria bomba a […]
  • Seymour Duncan Dimebucker SH-13: a pickup from HellSeymour Duncan Dimebucker SH-13: a pickup from Hell Oggi parleremo invece di un pickup per chitarra, un pickup estremo, aggressivo, dall'output devastante: il Seymour Duncan Dimebucker SH-13. Già dal nome i lettori più "hard" […]
  • Soloist SL1: classica fuori, Jackson dentroSoloist SL1: classica fuori, Jackson dentro Dopo aver parlato di chitarre un po' più "normali", è giunto il momento di presentare uno strumento un po' diverso. Come vedete non si tratta di nulla di catastrofico: niente […]
  • EMG 81, lead per antonomasiaEMG 81, lead per antonomasia Oggi voglio parlarvi di pickup e precisamente degli EMG 81. Si tratta probabilmente del modello più conosciuto ed apprezzato della casa, quello che più di ogni altro ha […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alessio Falsini 30 anni; laureato in lingue, suona il basso e la chitarra elettrica dall'età di 16, autodidatta, e a tempo perso si dedica all'apprendimento del banjo. Tecnico del suono oltre che musicista, studia e sperimenta tecniche di registrazione ed amplificazione.