Strap Lock Schaller blog

Una delle cose più fastidiose che possano capitare ad un musicista mentre sta suonando è che si stacchi la cinghia dal proprio strumento. Quante volte sarà capitato anche a voi questo fastidioso inconveniente? Scommetto almeno una volta da quando avete iniziato a suonare!

Per non parlare poi dei danni che possono derivare dalla caduta dello strumento, se non si fa in tempo a riprenderlo al volo. Fortunatamente mi è sempre capitato di riprenderli in extremis. A parte una volta, e la chitarra si è un po’ sverniciata sulla paletta.

Per fortuna non mi è mai capitato col basso, ma posso garantirvi che in questi casi, anche se non succede niente di grave o vistoso, girano decisamente le scatole. Il modo migliore perché questo non accada è sicuramente bloccare la cinghia con degli strap lock.

In commercio ce ne sono vari tipi e si possono trovare in tutti i negozi. Sulla rete inoltre ce ne sono a bizzeffe e soprattutto a pochi spiccioli. In ogni caso vale la pena spendere qualche euro per rendere più sicuro il vostro strumento.

Io li uso da anni ormai; ne ho vari tipi, ma miei preferiti sono gli Schaller perché costano il giusto e sono sicuri. Li ho utilizzati per ben 5 anni, in ogni situazione, e strapazzandoli pure molto. Certo ora ho dovuto ricompralri, perché l’attacco sul corno del basso si è consumato, ma dopo tutto questo tempo è anche comprensibile.

Strap Lock Schaller bottoms blog

Come ho detto, li ho ricomprati recentemente e li ho pagati 12 € (a negozio) anche se su internet potete limare un paio di eurucci. In ogni caso 12 euro ogni 5 anni sono una spesa irrisoria, considerato il lavoro che svolgono, specialmente se salite spesso sul palco e vi movete molto.

Se anche voi avete avuto problemi con le cinghie o non volete rischiare di imbattervici, vi consiglio di seguire il mio consiglio e di comprarvene un paio. Se poi avete vari strumenti potete comprare più attacchi, dato che si trovano anche da acquistare singolarmente; sostituendo quelli originali potrete così utilizzare la stessa cinghia su ogni basso o chitarra che possedete.

Articoli correlati

  • Un Disco All’Anno: 2007Un Disco All’Anno: 2007 The National - Boxer Lo stile chitarristico e le ritmiche che hanno contraddistinto band ben più “selvagge” negli anni passati, li ritroviamo anche in questo album, […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2002Un Disco Italiano All’Anno: 2002 Valentina Dorme - Capelli Rame Un album avvolgente, pieno di poesia ed immagini evocative, che fa persino tornare alla mente il maestro De Andrè. Queste sono le credenziali […]
  • Un buon jack significa buona fedeltà sonoraUn buon jack significa buona fedeltà sonora Tante volte mi capitata di parlare con persone ossessionate dalla qualità sonora, e in effetti sono anch'io uno di questi. Il problema è che quasi sempre si pensa che per […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2005Un Disco Italiano All’Anno: 2005 Afterhours - Ballate Per Piccole Iene Album di successo che conferma, qualora ce ne fosse ancora bisogno, quanto gli Afterhours siano una creatura musicale tutta da […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alessio Falsini 30 anni; laureato in lingue, suona il basso e la chitarra elettrica dall'età di 16, autodidatta, e a tempo perso si dedica all'apprendimento del banjo. Tecnico del suono oltre che musicista, studia e sperimenta tecniche di registrazione ed amplificazione.