Jack blog

Tante volte mi capitata di parlare con persone ossessionate dalla qualità sonora, e in effetti sono anch’io uno di questi. Il problema è che quasi sempre si pensa che per ottenere un sound “da paura” bastino uno strumento di qualità, un buon amplificatore e se si utilizzano, degli effetti adeguati. Ma non basta.

Beh, su questo ovviamente non c’è niente da obiettare; ma nessuno solitamente si sofferma sul “piccolo” particolare dei cavi. La qualità del suono, in effetti, oltre che dalla strumentazione utilizzata dipende anche dalla trasmissione del segnale. Per farla breve, possiamo avere il meglio in quanto a chitarre, bassi, amplificatori, pedali, ecc, ma se utilizziamo cavi di scarsa qualità (o saldati male) la resa che otterremo sarà sempre mediocre!
Perciò, se pretendiamo la miglior resa possibile è utile non risparmiare sui jack, poiché utilizzando un cavo economico il segnale prima di giungere a destinazione si disperderà lungo il percorso. E ovviamente, più sono i cavi che utilizzate e maggiori saranno le dispersioni di segnale, specialmente se usate ponticelli da due soldi per collegare i pedalini!

Voglio raccontarvi un aneddoto: mi è capitato recentemente di dover saldare dei jack di alcuni amici e quando sono andato a provarli sono rimasto impressionato: pur avendo saldato a dovere, il suono che ne usciva aveva la metà del volume di quello che usciva dai miei cavi (e la qualità, beh, potete immaginare…). È proprio dopo questo fatto che ho deciso di scrivere un articolo in proposito.

Fai da te

Un considerazione a parte andrebbe fatta per coloro che i jack se li fanno da soli. Non penso che ce ne sia bisogno, dato che chi di solito è in grado di costruirsi da sé il proprio cavo si presuppone abbia già le competenze necessarie a farlo nel migliore dei modi, ma proverò lo stesso a darvi un paio di consigli; quando saldate utilizzate sempre stagno di qualità e soprattutto mai soffiare o raffreddare artificialmente le saldature, altrimenti il contatto non sarà buono. Come ultima cosa, fate molta attenzione ad isolare bene la massa e a non recidere i piccoli filamenti di rame.

Mi auguro che abbiate trovato interessante questo insolito articolo, perché in fondo la musica è fatta anche di questo; e poi dovete ammettere che non si può pretendere il meglio trascurando le piccole cose! In ogni caso, anche se non ci aveste mai pensato prima d’ora, spero di essere stato convincente e mi auguro di avervi dato un buon argomento su cui riflettere.

Cercasi Programmatore Javascript

Articoli correlati

  • Nozioni di base: come riparare un cavo jackNozioni di base: come riparare un cavo jack Chi sguazza ormai da tempo nel grande oceano della musica a volte tende a dare per scontate certe piccole cose. Spesso anch'io commetto quest'ingenuità. Per fortuna, poi, […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2005Un Disco Italiano All’Anno: 2005 Afterhours - Ballate Per Piccole Iene Album di successo che conferma, qualora ce ne fosse ancora bisogno, quanto gli Afterhours siano una creatura musicale tutta da […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2002Un Disco Italiano All’Anno: 2002 Valentina Dorme - Capelli Rame Un album avvolgente, pieno di poesia ed immagini evocative, che fa persino tornare alla mente il maestro De Andrè. Queste sono le credenziali […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2004Un Disco Italiano All’Anno: 2004 Verdena - Il Suicidio Dei Samurai I Verdena mostrano, alla prova del terzo disco, di saper suonare un sano e crudo rock italiano. Malinconia e rabbia agitano la verve […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alessio Falsini 30 anni; laureato in lingue, suona il basso e la chitarra elettrica dall'età di 16, autodidatta, e a tempo perso si dedica all'apprendimento del banjo. Tecnico del suono oltre che musicista, studia e sperimenta tecniche di registrazione ed amplificazione.