interpol turn on the bright side

Interpol – Turn On The Bright Lights

Sempre da New York (casa madre degli Strokes) arriva un altro terremoto nel mondo della musica indipendente. In questo caso non si tratta più di garage rock viscerale adattato ai nostri tempi, ma di un vero e proprio revival anni 80, e cioè quella new wave tanto cara agli appena trascorsi anni 2000. Turn on the bright lights si muove tra sonorità dark, chitarre aggressive e ritmi sincopati, dimostrando di aver appreso a pieno la lezione dei rimpianti Joy Division. Per non parlare poi di ottime ballad che denotano la già matura e ricca penna di Paul Banks.

Canzone rappresentativa: Obstacle 1

Articoli correlati

  • Un Disco All’Anno: 2001Un Disco All’Anno: 2001 The Strokes - Is This It? Is this it? è il vero è proprio spartiacque della musica indie rock degli ultimi dodici anni. Casablancas e soci hanno dato vita, non solo ad un […]
  • Un Disco All’Anno: 2007Un Disco All’Anno: 2007 The National - Boxer Lo stile chitarristico e le ritmiche che hanno contraddistinto band ben più “selvagge” negli anni passati, li ritroviamo anche in questo album, […]
  • Un Disco All’Anno: 2005Un Disco All’Anno: 2005 Bloc Party - Silent Alarm I Bloc Party esordiscono con un album interessante, e cioè quel Silent Alarm che verrà riconosciuto come “figliol prodigo” del revival anni 80, con […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2002Un Disco Italiano All’Anno: 2002 Valentina Dorme - Capelli Rame Un album avvolgente, pieno di poesia ed immagini evocative, che fa persino tornare alla mente il maestro De Andrè. Queste sono le credenziali […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 30 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO. Twitter @albertomoneti