Loair blog

Il primo dei 2 nuovi arrivati nel campo della post produzione di casa Waves si chiama LoAir.

Come ho già accennato nell’articolo introduttivo, si tratta di un sintetizzatore di frequenze subarmoniche (basse e ultrabasse, per intendersi) che vi permetterà di lavorare su queste frequenze e di ridisegnarne la forma, con la stesa qualità che otterreste utilizzando sofisticate apparecchiature analogiche.

Ma non è finita qui: non ci troviamo di fronte ad un semplice generatore di subarmoniche, poiché LoAir vi permetterà di regolare la frequenza su cui lavorare, e in più, grazie al suo filtro low-pass sarete in grado di fare tagli alla frequenza desiderata. Se questo non vi basta, LoAir è inoltre l’unico plug-in capace di lavorare su contenuti polifonici e di creare una traccia LFE da materiale stereo o addirittura 5.0 e 5.1.

Per le caratteristiche approfondite visitare la pagina web.

Articoli correlati

  • Un Disco All’Anno: 2002Un Disco All’Anno: 2002 Interpol - Turn On The Bright Lights Sempre da New York (casa madre degli Strokes) arriva un altro terremoto nel mondo della musica indipendente. In questo caso non si […]
  • Blackstar HT-Dual: distorsore o amplificatore?Blackstar HT-Dual: distorsore o amplificatore? L'oggetto di cui vi parlerò oggi è un pedale. Beh, chiamarlo pedale è un po' riduttivo (e offensivo, forse!) dato che ciò che abbiamo di fronte è un distorsore valvolare a 2 […]
  • Gibson SG Standard: Rock’n’Roll il suo secondo nomeGibson SG Standard: Rock’n’Roll il suo secondo nome Non sono molte le cose da dire parlando di una Gibson SG; molti sapranno già di che strumento si tratta, come suona e quali sono le sue principali caratteristiche. In ogni caso […]
  • Ashbory Bass, alcuni videoAshbory Bass, alcuni video Ecco qua alcune video reviews sull'Ashbory Bass della DeArmond, quello strano, ma davvero interessante basso di cui vi ho parlato nell'articolo precedente. Troverete di seguito […]
  • Paul Reed Smith Custom 24: qualità e gran stilePaul Reed Smith Custom 24: qualità e gran stile Uno dei marchi più blasonati in fatto di chitarre elettriche è sicuramente Paul Reed Smith. Essendomi accorto di non averne ancora parlato, e un po' contrariato per questa […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alessio Falsini 30 anni; laureato in lingue, suona il basso e la chitarra elettrica dall'età di 16, autodidatta, e a tempo perso si dedica all'apprendimento del banjo. Tecnico del suono oltre che musicista, studia e sperimenta tecniche di registrazione ed amplificazione.