Un celeberrimo esempio di fusione tra musica classica e jazz, Rhapsody In Blue è una composizione per pianoforte di George Gershwin il quale la scrisse nel 1924 e, sempre nello stesso anno, la presentò in veste di pianista di Paul Whiteman e la sua band. Fu proprio Paul Whiteman a voler (insistentemente, tra l’altro) commissionare un’intero concerto a Gershwin per la sua esibizione con la band alla Aeolian Hall di New York, quello che si prospettava essere un eccezionale evento musicale, al quale si attendevano tra il pubblico anche musicisti quali Sousa e Rachmaninoff: questa sua volontà era motivata proprio dall’ambizioso progetto di allestire un vero e proprio concerto di musica classica da contaminare con il jazz, un esperimento ambizioso e anche pionieristico visti i tempi.
George Gershwin ha raccontato di aver concepito questo brano nella sua forma definitiva durante un viaggio in treno verso Boston, ispirandosi al ritmo scandito dall’incedere del vagone sui binari; non fece altro che adattare la melodia che già aveva in mente alla cadenza suggeritagli dal treno.
Due arrangiamenti orchestrali piuttosto noti sono stati elaborati per quest’opera dal musicista e compositore Ferde Grofé, uno nel 1926 e l’altro nel 1942. Oggi Rhapsody In Blue è considerata una delle migliori opere da concerto della storia americana.

Spartito per Pianoforte

Download

Cercasi Programmatore Javascript

Articoli correlati

  • SummertimeSummertime Summertime è un celeberrimo pezzo scritto da George Gershwin nel 1933 (forse con la collaborazione seppur marginale del fratello maggiore Ira) per l'opera teatrale Porgy And […]
  • Un Disco All’Anno: 2002Un Disco All’Anno: 2002 Interpol - Turn On The Bright Lights Sempre da New York (casa madre degli Strokes) arriva un altro terremoto nel mondo della musica indipendente. In questo caso non si […]
  • Senza FineSenza Fine Senza Fine è un brano cantato da Ornella Vanoni contenuto nell'album Ornella Vanoni pubblicato nel 1961. Canzone scritta da Gino Paoli e dedicata alla cantante milanese con cui […]
  • What’d I SayWhat’d I Say What'd I Say è una celebre canzone di Ray Charles, composta nel 1958 durante un'improvvisazione al termine di un suo concerto. Venne così incisa e pubblicata l'anno seguente con […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 31 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO. Twitter @albertomoneti