Traspositore
0
Semplifica
Testo
Auto-scroll
Traspositore
0
Semplifica accordi
Dimensioni Testo
0
Auto-scroll
Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli

Eppur Mi Son Scordato Di Te: Accordi

LA DO#m FA#m FA Eppur mi son scordato di te come ho fatto non so LA DO#m FA#m FA Una ragione vera non c'è lei era bella lo so LA DO#m DO# Un tuffo dove l'acqua è più blu niente di più FA#m Ma che disperazione nasce da una distrazione RE MI era un gioco non era un fuoco FA#m Non piangere salame dai capelli verde rame RE MI è solo un gioco e non un fuoco LA SI7 DO#7 Lo sai che t'amo io ti amo veramente LA DO#m FA#m FA Eppur mi son scordato di te non le ho detto di no LA DO#m FA#m FA t'ho fatto pianger tanto perché io sono un bruto lo so LA DO#m DO# Un tuffo dove l'acqua è più blu niente di più FA#m Ma che disperazione nasce da una distrazione RE MI era un gioco non era un fuoco FA#m Non piangere salame dai capelli verde rame RE MI è solo un gioco e non un fuoco LA SI7 DO#7 Lo sai che t'amo io ti amo veramente FA#m che disperazione nasce da una distrazione nasce da una distrazione RE che disperazione nasce da una distrazione nasce da una distrazione FA#m che disperazione nasce da una distrazione nasce da una distrazione RE che disperazione nasce da LA DO#m DO# Un tuffo dove l'acqua è più blu niente di più FA#m Ma che disperazione nasce da una distrazione RE MI era un gioco non era un fuoco FA#m Non piangere salame dai capelli verde rame RE MI è solo un gioco e non un fuoco LA SI7 DO#7 Lo sai che t'amo io ti amo veramente
Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli
 

Eppur Mi Son Scordato Di Te: Video

Lucio Battisti compose Eppur Mi Son Scordato Di Te nei primi anni '70 su testo del solito Mogol per farla incidere ai Formula 3, gruppo che egli stesso aveva sotto contratto con la sua casa discografica indipendente Numero Uno. Fu però lo stesso Battisti a presentarla in anteprima nel 1971 con un'esibizione unplugged in occasione della trasmissione televisiva Teatro 10 e l'anno successivo alla stessa trasmissione ne reinterpretò una parte in duetto con Mina. Esiste anche una versione in inglese sebbene mai ufficialmente pubblicata e probabilmente scartata nel 1977 per l'album in lingua inglese Images, che Battisti propose per il mercato statunitense. Il riff di chitarra che apre la canzone è ispirato allo stile chitarristico (allora una novità assoluta) di Jimi Hendrix.

Articoli correlati

  • L’AquilaL’Aquila REm Il fiume va guardo più in là un'automobile corre e lascia dietro sé SIb del fumo grigio e me […]
  • Ancora TuAncora Tu Intro: SIm LA SOL7+ LA SIm LA SOL7+ LA SOL7+ RE FA#m7 SIm Ancora Tu non mi sorprende lo sai SOL7+ FA#m7 […]
  • Sognando E RisognandoSognando E Risognando RE#m La stalla con i buoi, per cielo gli occhi tuoi e l'acqua e i pesci e poi gli uccelli intorno a noi e latte tu berrai e l'anima bianca tu avrai […]
  • Io Vivrò (Senza Te)Io Vivrò (Senza Te) LA7/4 REm SOL Che non si muore per amore DO DO/SIb una gran bella verita FA/LA SIb […]
  • Vento nel VentoVento nel Vento DOm SOLm LAb MIb Io e te io e te perché io e te DOm SOLm7 FAm7 Qualcuno ha scelto forse per noi DOm […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
33 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).