29 Settembre è un brano interpretato dalla band Equipe 84 pubblicato come singolo nel 1967. Scritto dalla celebre coppia formata da Lucio Battisti e Giulio Rapetti, in arte Mogol, è stato e rimane un grandissimo successo della band modenese. Il testo parla di un tradimento durato una notte, la classica “sbandata”. Ma il giorno dopo, al mattino, tutto torna normale e la donna che è sempre stata al nostro fianco si riscopre come l’unico vero amore. Uno dei grandi classici, entrato a pieno diritto nella storia della canzone italiana.

Testo e Accordi per chitarra.

Equipe 84 29 Settembre Accordi per Chitarra Chords Testo

Intro:
       RE4   RE

      LA 
    Seduto in quel caffe'
       SOL           RE4  RE
    io non pensavo a te...
        LA
    Guardavo il mondo che
      SOL            RE4    RE
    girava intorno a me...
         LA
    Poi d'improvviso lei
       SOL
    sorrise
        LA              SOL
    e ancora prima di capire
          MIm
    mi trovai sottobraccio a lei
      SOL        MIm
    stretto come se
                     SOL  MIm  SOL  MIm
    non ci fosse che lei

      LA
    Vedevo solo lei
      SOL           RE4  RE
    e non pensavo a te...
      LA
    E tutta la citta'
       SOL             RE4  RE
    correva incontro a noi
       LA
    Il buio ci trovo'
      SOL
    vicini
       LA
    un ristorante e poi
       SOL        MIm
    di corsa a ballar sottobraccio a lei    
     SOL          MIm
    stretto verso casa abbracciato a lei
     SOL       MIm
    quasi come se non ci fosse che,
     SOL       MIm                  RE
    quasi come se non ci fosse che lei

    SOL  MIm  SOL  MIm
    Ah  Ah  Ah

     SOL       MIm
    quasi come se non ci fosse che,
     SOL       MIm                  LA
    quasi come se non ci fosse che lei

       LA
    Mi son svegliato e
      SOL            RE4  RE
    e sto pensando a te
      LA
    Ricordo solo che,
        SOL      RE4         RE
    che ieri non eri con me...
       LA                 SOL
    Il sole ha cancellato tutto
       LA                  SOL
    di colpo volo giù dal letto
            MIm
    e corro lì al telefono
    SOL           MIm
    parlo, rido e tu  tu non sai perché
    SOL            MIm
    t'amo, t'amo e tu, tu non sai perché
    SOL           MIm
    parlo, rido e tu, tu non sai perché
    SOL           MIm
    t'amo t'amo e tu, tu non sai perché
    SOL           MIm
    parlo, rido e tu, tu non sai perché
    SOL          MIm
    t'amo, t'amo tu, tu non sai perché

Articoli correlati

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 31 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO. Twitter @albertomoneti