M’Abituerò è un brano scritto e interpretato da Luciano Ligabue contenuto nell’album Campovolo 2.011. Brano scritto negli anni ’80, prima accantonato, poi ripreso ed eseguito dal vivo a Campovolo nel 2011. La canzone si presenta come una ballata pop rock, dove l’arrangiamento è affidato alla chitarra elettrica, come in molti pezzi del cantautore di Correggio. Una nuova perla di uno dei grandi cantautori italiani, entrato nella storia della musica leggera targata “rock”.

Testo e Accordi per chitarra.

Luciano Ligabue M’Abituerò Accordi per Chitarra Chords Testo

Intro:
      REm  DO  LAm  SIb   REm  DO  LAm  SIb

  REm       DO LAm      SIb
    M'abituerò a non trovarti
  REm       DO              LAm      SIb
    M'abituerò a voltarmi e non ci sarai
  REm       DO LAm      SIb
    M'abituerò a non pensarti
    REm   DO  LAm    SIb        REm     REm  DO  LAm  SIb
    Quasi mai, quasi mai, quasi mai

     
  REm    DO       LAm             SIb
    Alla fine c'è sempre uno strappo
  REm         DO               LAm     SIb
    E c'è qualcuno che ha strappato di più
  REm     DO      LAm         SIb
    Non è mai qualcosa di esatto
           REm            DO          LAm           SIb             DO
    Chi ha dato ha dato e poi chi ha preso ha preso tutto quel che c'era
        SIb                        FA
    Non conta più sapere chi ha ragione
                               SIb   DO
    Non conta avere l'ultima parola, ora

  REm       DO LAm      SIb
    M'abituerò a non trovarti
  REm       DO              LAm      SIb
    M'abituerò a voltarmi e non ci sarai
  REm       DO LAm      SIb
    M'abituerò a non pensarti
    REm   DO  LAm    SIb     DO REm     
    Quasi mai, quasi mai, quasi mai

  REm    DO      LAm         SIb     
    Alla fine non è mai la fine
  REm          DO        LAm       SIb
    Ma qualche fine dura un po' di più
  REm         DO     LAm        SIb
    Da qui in poi si può solo andare
      REm        DO    LAm         SIb               DO
    ognuno come può portando nel bagaglio quel che c'era
      SIb                  FA
    E le macerie dopo la bufera
                              SIb    DO
    Ricordi belli come un dispiacere, ora

  REm       DO LAm      SIb
    M'abituerò a non trovarti
  REm       DO              LAm      SIb
    M'abituerò a voltarmi e non ci sarai
  REm       DO LAm      SIb
    M'abituerò a non pensarti
    REm   DO  LAm    SIb     DO  SIb  LA  SIb
    Quasi mai, quasi mai, quasi mai
      
 REm        DO          LAm
    M'abituerò a non trovarti
    SIb     REm             DO       LAm  SIb
    M'abituerò a voltarmi e non ci sarai
 REm        DO          LAm
    M'abituerò a non pensarti
      SIb   REm           DO       LAm  SIb
    m'abituerò quasi mai, quasi mai

 REm        DO          LAm
    M'abituerò a non trovarti
    SIb     REm             DO       LAm  SIb
    M'abituerò a voltarmi e non ci sarai
 REm        DO          LAm
    M'abituerò a non pensarti
      SIb   REm           DO       LAm  SIb
    m'abituerò quasi mai, quasi mai

  REm  DO  LAm  SIb   REm  DO  LAm  SIb   REm
     

Articoli correlati

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 31 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO. Twitter @albertomoneti