Il Pentagramma sono i 5 righi orizzontali, posti parallelamente uno sopra l’altro, entro i quali si determinano le posizioni di ciascuna nota musicale. Esso si costruisce stabilendo una nota di riferimento, ovvero il Do centrale, e andando poi a collocare tutte le altre sopra o sotto di esso.
Ciascun rigo non ha un proprio nome ma ci si riferisce ad essi numerandoli dal primo (quello più in basso) al quinto (quello più in alto).

Il Do centrale è la prima nota in figura sopra, quella posta sotto i 5 righi del pentagramma.
Si chiama “centrale” perchè nel pianoforte esso è la nota al centro della tastiera, mentre sulla chitarra è il terzo tasto della seconda corda (o anche l’ottavo tasto della prima).

Sempre guardando la figura, si nota che Re, Fa e La sono poste ciascuna tra due righi: vengono dette note sugli spazi.
Do, Mi, Sol e Si invece sono a cavallo del rigo: vengono dette note sui righi.

Articoli correlati

  • Le pause e i loro valori musicaliLe pause e i loro valori musicali La pausa in musica rappresenta il contrario della nota, ovvero il non-suono. Il concetto di valore musicale, cioè di durata delle note, è applicabile anche ai silenzi e a […]
  • I valori musicali delle noteI valori musicali delle note Per quantificare quanto una nota debba durare (si badi che la durata di una nota è un valore relativo, che cioè ha senso solo se rapportato alla durata delle altre) si […]
  • Il doppio pentagrammaIl doppio pentagramma Strumenti quali l'arpa, il pianoforte ed i derivati di quest'ultimo (fisarmonica, harmonium, celesta) possiedono un'estensione tale da permettere contemporaneamente parti di […]
  • La Chiave di violino o chiave di SolLa Chiave di violino o chiave di Sol Come abbiamo già visto, la chiave di violino è un segno convenzionale per dare il nome alle note sul pentagramma. Essa viene utilizzata per spartiti che fanno largo uso delle […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 29 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO. Twitter @albertomoneti