Di ritorno da una meritata vacanza, ricominceremo a parlarvi di strumentazione presentandovi un multieffetto vocale di tutto rispetto. Fino ad ora noi di Accordi&Spartiti.it avevamo parlato esclusivamente di processori per chitarra; ci sembrava però giusto presentarvene uno vocale e per far questo – tenendo sempre a mente la nostra filosofia del “Poca Spesa, Tanta Resa” – abbiamo ritenuto opportuno parlarvi dell’MX200 della Lexicon, un multieffetto dotato di un doppio processore effetti, qualitativamente eccezionale, ma pur sempre alla portata di tutte le tasche. Di seguito cercheremo di descrivervelo brevemente.

Come appena detto, l’MX200 è un multieffetto rack ad unità singola dotato di 2 processori attraverso i quali è possibile utilizzare una discreta serie di effetti – 32 per la precisione, tra riverberi, delay, compressori, ed effetti di modulazione di vario tipo. L’interfaccia è stata curata a fondo, e risulta estremamente semplice da gestire, soprattutto grazie ai controlli principali che sono indipendenti per ogni processore; ogni “motore” effetti dispone infatti dei propri cotrolli di Dry/Wet Mix, Pre-Delay (Time/Speed), Decay (Feedback/Depth) e Variation (parametro che varia in base al tipo di effetto selezionato).

Ma la lista dei controlli dei processori non finisce qui: ognuno dei due possiede anche un pulsante Tempo, Bypass e un selettore per la scelta degli effetti. Inoltre, accanto ad ogni effetto troverete una doppia fila di LED (verdi e rossi) che indicheranno in tempo reale quale di questi viene utilizzato, e da quale motore in particolare (verde processore 1, rosso processore 2). In questo modo potrete tenere sotto controllo ogni parametro principale del vostro MX200! Le possibilità di personalizzazione, però, non finiscono qui; potrete infatti editare maggiormente ogni effetto attraverso il pomellone rotondo (che funge anche da pulsante) posto in fondo a destra nel pannello anteriore. Accanto a questo, che vi permetterà anche di scegliere le patch (99 Factroy e 99 User), troverete i pulsanti Audition, con cui ascoltare in “preview” le patch e Store per salvarle.

Oltre ai controlli appena descritti, che sarebbero già soddisfacenti da soli, ce ne sono un paio di cui ancora non vi ho parlato. L’MX200 possiede infatti anche un potenziometro per regolare il livello di Input e uno switch per determinare il Routing degli effetti; il primo, per facilitarne l’uso, è affiancato ad un piccolo meeter LED, mentre il secondo vi permetterà di scegliere tra 4 differenti tipologie di Routing del multieffetto: Dual Mono, Cascade, Dual Stereo (Parallelo) e Mono Split. Per quanto riguarda il pannello posteriore, invece, qui troverete tutte le connessioni: Input e Output analogici (soltanto jack) Left e Right, digitali (S/PDIF), MIDI (In e Out/Thru), nonché un ingresso per il footswitch a due controlli (bypass indipendenti), alimentazione e presa USB.

Proprio quest’ultima connessione merita un capitolo a parte. Si tratta infatti di una caratteristica da non sottovalutare, perché renderà il vostro MX200 uno strumento perfetto anche per lo studio; collegandolo al vostro pc attraverso un apposito plug-in (fornito sia in versione VST, sia AU), è infatti possibile utilizzarlo nei vostri mix senza però l’inconveniente di alterare le prestazioni del vostro computer. Inoltre l’interfaccia molto intuitiva del plug-in ricalca quella dell’MX200 e quindi non avrete problemi a controllarlo. Si tratta di una funzione davvero interessante che rende questo multieffetto ancora più appetibile versatile!

Data la grande mole di informazioni da presentarvi, per il momento ci fermeremo qua; nelle prossime ore troverete la seconda parte dell’articolo, dove troverete informazioni riguardanti il sound dell’MX200 e le caratteristiche tecniche.

Articoli correlati

  • Un Disco All’Anno: 2007Un Disco All’Anno: 2007 The National - Boxer Lo stile chitarristico e le ritmiche che hanno contraddistinto band ben più “selvagge” negli anni passati, li ritroviamo anche in questo album, […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2004Un Disco Italiano All’Anno: 2004 Verdena - Il Suicidio Dei Samurai I Verdena mostrano, alla prova del terzo disco, di saper suonare un sano e crudo rock italiano. Malinconia e rabbia agitano la verve […]
  • Digidesign Eleven Rack: video, demo e reviewsDigidesign Eleven Rack: video, demo e reviews Come sempre ecco qua alcuni video in supporto all'articolo precedente sul Digidesign Eleven Rack. Ho deciso di proporvi diverse demo e review, dato che un oggetto come questo va […]
  • Un Disco All’Anno: 2004Un Disco All’Anno: 2004 Arcade Fire - Funeral La salda e (musicalmente) preparata compagine canadese debutta sulla scena musicale con un album memorabile. Nell'anno dei Franz Ferdinand e della […]
  • Un Disco All’Anno: 2005Un Disco All’Anno: 2005 Bloc Party - Silent Alarm I Bloc Party esordiscono con un album interessante, e cioè quel Silent Alarm che verrà riconosciuto come “figliol prodigo” del revival anni 80, con […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alessio Falsini 30 anni; laureato in lingue, suona il basso e la chitarra elettrica dall'età di 16, autodidatta, e a tempo perso si dedica all'apprendimento del banjo. Tecnico del suono oltre che musicista, studia e sperimenta tecniche di registrazione ed amplificazione.