mumford and sons sigh no more

Mumford & Sons – Sigh No More

L’esordio dei Mumford & Sons segna la definitiva affermazione sulla scena musicale di un nuovo genere folk. I giovanotti inglesi, nonostante gli innumerevoli esempi e schemi che tale genere porta con sé, creano una propria alchimia che denota una fresca e prolifica vena compositiva. Melodie evocative incontrano così cori trascinanti, trasformando i brani in moderni inni da stadio (ma anche da pub). I suoni sono genuini come non mai, e accompagnano con energia e dolcezza la voce, che punta dritta al cuore dell’ascoltatore.

Canzone rappresentativa: Little Lion Man

Articoli correlati

  • Un Disco All’Anno: 2004Un Disco All’Anno: 2004 Arcade Fire - Funeral La salda e (musicalmente) preparata compagine canadese debutta sulla scena musicale con un album memorabile. Nell'anno dei Franz Ferdinand e della […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2004Un Disco Italiano All’Anno: 2004 Verdena - Il Suicidio Dei Samurai I Verdena mostrano, alla prova del terzo disco, di saper suonare un sano e crudo rock italiano. Malinconia e rabbia agitano la verve […]
  • Un Disco All’Anno: 2007Un Disco All’Anno: 2007 The National - Boxer Lo stile chitarristico e le ritmiche che hanno contraddistinto band ben più “selvagge” negli anni passati, li ritroviamo anche in questo album, […]
  • Un Disco All’Anno: 2006Un Disco All’Anno: 2006 Arctic Monkeys - Whatever People Say I Am, That's What I'm Not Oltre a frantumare record di vendite, il disco di debutto degli Arctic Monkeys è una vera e propria bomba a […]
  • Un Disco All’Anno: 2005Un Disco All’Anno: 2005 Bloc Party - Silent Alarm I Bloc Party esordiscono con un album interessante, e cioè quel Silent Alarm che verrà riconosciuto come “figliol prodigo” del revival anni 80, con […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Paolo Moneti 29 anni, musicologo e musicista per passione, suona la chitarra dall'età di 16 anni.