La marcia nuziale di Mendelssohn fu composta nel 1842 come musica di scena per Sogno Di Una Notte Di Mezz’Estate di William Shakespeare, lavoro conosciuto come Op. 61.
E’ ad oggi uno dei più noti classici da cerimonia nuziale religiosa, frequentemente eseguito con organo da chiesa proprio come avvenne per la prima volta, nel 1847, ad un matrimonio nel Regno Unito. Raggiunse poi la grande notorietà quando venne utilizzata, 11 anni dopo, al matrimonio della Principessa Vittoria Adelaide (figlia della Regina Vittoria) e del Principe Federico Guglielmo di Prussia.

Spartito per Pianoforte

Licenza: Montréal: Les Éditions Outremontaises, 2010
Download

Spartito per Organo

Download

Spartito per Organo

Edizione alternativa
Download

Articoli correlati

  • Testo e Accordi per Chitarra di Lovefool – The CardigansTesto e Accordi per Chitarra di Lovefool – The Cardigans Lovefool è un successo dei Cardigans, inciso nel 1996 col loro terzo album First Band On The Moon ed entrato come singolo nelle classifiche di mezzo mondo nel 1997. E' stato […]
  • Un Disco All’Anno: 2007Un Disco All’Anno: 2007 The National - Boxer Lo stile chitarristico e le ritmiche che hanno contraddistinto band ben più “selvagge” negli anni passati, li ritroviamo anche in questo album, […]
  • Spartito per Pianoforte della Marcia Reale (Inno Nazionale Spagnolo)Spartito per Pianoforte della Marcia Reale (Inno Nazionale Spagnolo) Uno dei pochi inni nazionali al mondo privi di un testo ufficiale, la Marcia Reale è anche uno dei più antichi in assoluto al punto da non essere noto il suo compositore […]
  • Un Disco All’Anno: 2001Un Disco All’Anno: 2001 The Strokes - Is This It? Is this it? è il vero è proprio spartiacque della musica indie rock degli ultimi dodici anni. Casablancas e soci hanno dato vita, non solo ad un […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 31 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO. Twitter @albertomoneti