Traspositore
0
Semplifica
Testo
Auto-scroll
Traspositore
0
Semplifica accordi
Dimensioni Testo
0
Auto-scroll
Video Stampa Segnala

La Società dei Magnaccioni: Accordi

Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli
Intro: FA7 SIb SIb Fatece largo che passamo noi DO7 FA7 sti giovanotti de' sta Roma bella semo ragazzi fatti cor pennello DO7 FA e le ragazze famo innamorà FA7 SIb e le ragazze famo innamorà SIb Ma che ce frega ma che ce 'mporta FA7 se l'oste ar vino ci ha messo l'acqua MIb SIb e noi je dimo e noi je famo FA7 c'hai messo l'acqua SIb nun te pagamo ma però noi semo quelli FA7 che j'arrisponnemmo 'n coro MIb SIb e' mejo er vino de li Castelli FA7 SIb de questa zozza società SIb E si per caso vi è er padron de casa DO7 FA7 de botto te la chiede la pigione e noi jarrispondemo a sor padrone DO7 FA t'amo pagato e 'n te pagamo più FA7 SIb t'amo pagato e 'n te pagamo più SIb Che ce arifrega che ce arimporta FA7 se l'oste ar vino ci ha messo l'acqua MIb SIb e noi je dimo e noi je famo FA7 c'hai messo l'acqua SIb nun te pagamo ma però noi semo quelli FA7 che j'arrisponnemmo 'n coro MIb SIb e' mejo er vino de li Castelli FA7 SIb de questa zozza società SIb Ce piacciono li polli FA7 li abbacchi e le galline DO7 perché son senza spine FA7 nun so' come er baccalà SIb La società dei magnaccioni FA7 la società della gioventù MIb SIb a noi ce piace de magna e beve FA7 e nun ce piace de lavora' SIb Portace 'nantro litro SOL7/SI DOm che noi se lo bevemo MIb MIbm SIb e poi jarrisponnemo DOm7 FA7 SIb embe' embe' che c'è SIb E quanno er vino embe' FA7 c'arriva al gozzo embe' ar gargarozzo embe' SIb ce fa 'n figozzo embe' MIb pe falla corta pe falla breve SIb FA7 SIb mio caro oste portace da beve FA7 SIb da beve da beve ah ah
Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli
 

La Società dei Magnaccioni: Video

La Società dei Magnaccioni è un noto brano della tradizione popolare romanesca di autori ignoti. La prima versione è di Armandino Bosco che la incise nel 1962 per poi passare la mano ad altri grandi interpreti romani: uno su tutti Lando Fiorini, all'anagrafe Leopoldo, che la inserì nel suo settimo lavoro in studio Roma Ruffiana pubblicato nel 1974. Canzone che racconta la goliardia e la voglia di stare insieme intorno ad una nella bottiglia di vino.

Articoli correlati

  • Arrivederci RomaArrivederci Roma Intro: SOLm7/9 SOLm FA SOLm T'invidio turista che arrivi, SOL7/SI DOm T'imbevi de fori e de scavi, RE7 MIb7 […]
  • Roma Nun Fa’ la Stupida StaseraRoma Nun Fa’ la Stupida Stasera FA FA5+ FA Roma nun fà la stupida stasera LAm7 SOL#dim SOLm7 LAm7 RE9- damme 'na mano a faje di de si SOLm7 […]
  • Na gita a li CastelliNa gita a li Castelli LAm Guarda che sole REm LAm Ch'è sortito, Nannì REm LAm Che profumo de rose MI7 LAm De garofoli e panzè REm […]
  • Quanto Sei Bella RomaQuanto Sei Bella Roma SI Quanto sei bella Roma SOL#m7 LA#m7/5- DO#m7 FA# Quanto sei bella Roma a prima sera DO#m7 FA# Er Tevere te serve DO#m7 FA# FA#5+ […]
  • Cento CampaneCento Campane REm LA7 Nun me lo di' stanotte SOLm LA7 REm a chi hai stregato er core FA/DO SIm7/5- LA7 la verità fa male SOLm LA7 REm […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
34 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).