Traspositore
0
Semplifica
Testo
Auto-scroll
Traspositore
0
Semplifica accordi
Dimensioni Testo
0
Auto-scroll
Video Stampa Segnala

Scirocco: Accordi

100 Esercizi di Chitarra, scopri il nuovo libro Bestseller!
Intro: REm LAm7 SIb7+ REm LAm7 SIb7+ REm LAm7 SIb7+ REm LAm7 SIb7+ REm LAm7 E guardandolo dal parco in Via del Cardo SIb7+ E là il sole era un araldo, il cantico del caldo REm LAm7 E il cielo là colava stanco sulle auto SIb7+ Su ogni sguardo il suo marchio pallido REm LAm7 E tutto là era grigio e bianco SIb7+ Uffici e traffico, ogni parco era un camposanto REm LAm7 SIb7+ E ogni palazzo una caserma, una casella Un pachiderma esausto in calce e amianto REm LAm7 SIb7+ Fuggirò via da questo porto franco, posto infausto Appronta l'occhio all'impatto REm LAm7 Periferia di fiumi e scarti SIb7+ Scie di lumi a scatti REm Vie di lupi al pascolo e allo sbando LAm7 SIb7+ E questo spazio schiaccia i sogni in due minuti REm Uno sull'altro come sul nastro (come sul marmo) LAm7 SIb7+ Polverizzandoli in un lancio verso l'alto Come in un lampo E coriandoli nell'animo REm LAm7 Ma un vento riscaldava i pensieri della mattina SIb7+ E là Paolo guardava il mondo seduto su una panchina in ghisa REm LAm7 "Riuscirò mai a fuggire da 'sta linea? SIb7+ I contorni della mia vita sono i bordi di 'sta provincia grigia REm LAm7 O starò qui come il muschio di stazione? SIb7+ Con la gioia che si squaglia dopo ore dietro il bancone REm LAm7 Con la noia che s'incaglia negli occhi delle persone SIb7+ Poi ne esce fuori al buio nel fumo delle stagnole REm LAm7 Solo il vento di Scirocco mi dà una speranza SIb7+ Lui che passa e riscalda ogni landa sfiorandola REm LAm7 L'unico capace di scappare oltre 'ste strade SIb7+ Che anche quando resta in loco dopo poco riesce a andarsene REm LAm7 Spira e danza, vira e s'alza SIb7+ Accorda gocce di piogge con linee d'aria REm Ed attraversa il tempo e il mare, LAm7 il temporale e le montagne SIb7+ Poi si ferma a amoreggiare con le vele nelle darsene" REm LAm7 Paolo guardava i pressi, i confini farsi più stretti SIb7+ E gli amici farsi più spettri e i profili dei tetti in eternit REm LAm7 "Che cosa aspetti? lascia in fretta effetti affetti" SIb7+ Via i lucchetti alla Benelli a due tempi senza gli specchi REm LAm7 Quando avviò la moto là era un giorno buono SIb7+ Chi vedendolo per strada chiese: "Paolo dove vai?" REm LAm7 "Seguirò il vento e non ho scopo, non ho luogo SIb7+ Ma una mappa dettagliata per riuscire a non tornare mai" REm LAm7 E via da qui, via da qui, via da qui SIb7+ Viaggio sulle strade d'aria Andando verso Tupai REm LAm7 E via da qui, via da qui, via da qui SIb7+ Ma dimmi dove, eh REm LAm7 E via da qui, via da qui, via da qui SIb7+ Viaggio sulle strade in alto Verso rotte ignote, man REm LAm7 E via da qui, via da qui, via da qui SIb7+ Ma dimmi dove, seh REm Questo mondo, sregolato LAm7 Ha un volto, screpolato SIb7+ Bestie, nei carceri che pregano in apnea REm LAm7 Feste in quest'arcipelago, sgretolato SIb7+ Che il vuoto intorno lo crea per dopo sentirsi Pangea REm LAm7 Paolo sentirà lamenti provenienti da SIb7+ Continenti sommersi che cantano i versi di quell'epopea REm LAm7 Ora che sta su un prato salato che conterà SIb7+ Rose dei venti crescere tra l'alta e la bassa marea REm LAm7 Il crepuscolo che fu svegliato fu platea SIb7+ Di un pubblico che poi si presentò come un cielo stellato REm LAm7 Un velo, Paolo irrigidì ogni muscolo ed accelerò SIb7+ Passando dall'asfalto rovinato allo sterrato REm Nero, come un buco dentro al buio LAm7 dietro agli angoli SIb7+ Nei boschi si udivano i vecchi proverbi degli alberi REm LAm7 I mostri non li hai mai distrutti tutti, copiandoli SIb7+ Le armi che hai comprato ora le butti, coriandoli REm LAm7 Il pubblico di stelle applaudendo lasciò il teatro SIb7+ L'aurora che iniziò ad auto-ritrarsi di sfumato REm LAm7 E Paolo all'ultimo rintocco chiese SIb7+ a quell'aurora che albeggiava Un ultimo ritocco al quadro REm La moto fu trovata ma non era danneggiata LAm7 Era un accrocco al centro SIb7+ di una strada senza carreggiata REm La città amareggiata, LAm7 l'atmosfera mortuaria tra le ombre SIb7+ La provincia grigia pianse: non conobbe strade d'aria REm LAm7 Capito? Ciò che Paolo disse a quell'aurora SIb7+ Che come pittrice gli sembrò disinibito, sciocco! REm LAm7 "Dipingimi anche trasparente come una parola SIb7+ Ma dipingimi per sempre come il vento di Scirocco REm LAm7 No non è un concetto importante che poi non torno SIb7+ Non sarò né semestrale né facile da ammaestrare REm Ed andando a braccetto LAm7 con il Levante e col Mezzogiorno SIb7+ Che voglio strappare il mare e lanciarlo contro il Maestrale REm Io voglio soffiare, gonfiare, LAm7 SIb7+ annaffiare ogni candela Rubare foglie di fuoco lasciando un tronco di cera REm LAm7 Io quella sera rubai solo per te SIb7+ La rosa più ventosa dal prato salato dei rosai" REm LAm7 L'aurora staccando un petalo a sudest SIb7+ E usandolo come pennello dipinse la storia ai grandi marinai REm LAm7 Ora si racconta che c'è un vento che porta SIb7+ Una mappa con la rotta giusta Per riuscire a non tornare mai REm LAm7 E via da qui, via da qui, via da qui SIb7+ Viaggio sulle strade d'aria Andando verso Tupai REm LAm7 E via da qui, via da qui, via da qui SIb7+ Ma dimmi dove, eh REm LAm7 E via da qui, via da qui, via da qui SIb7+ Viaggio sulle strade in alto Verso rotte ignote, man REm LAm7 E via da qui, via da qui, via da qui SIb7+ Ma dimmi dove, seh
100 Esercizi di Chitarra, scopri il nuovo libro Bestseller!

Credits

Autori: BIGLIARDI MASSIMO, MARIANI ALESSIO, IURCICH TAREK
Copyright: © EVOX3 MUSIC S.R.L., MUSIC MARKET S.R.L.
 

Scirocco: Video

Scirocco è un brano scritto e inciso da Alessio Mariani, in arte Murubutu, contenuto nell'album L'uomo che viaggiava nel vento e altri racconti di brezze e correnti pubblicato nel 2016. Quarta fatica discografica per il rapper di Reggio Emilia, è il suo secondo concept album che, stavolta, ha come tema principale proprio il vento. La canzone, quarta traccia del disco, è dedicata infatti allo Scirocco, vento caldo che viene dal Sud; si tratta di un pezzo che vede la partecipazione del collega romano Tarek Iurcich, alias Rancore.

 

Articoli correlati

 Murubutu: Vedi tutte le canzoni  Rancore: Vedi tutte le canzoni
Arlecchino
Arlecchino è un brano scritto e interpretato da Tarek Iurcich, noto al pubblico italiano con lo pseudonimo Rancore, con...
Ipocondria
Ipocondria è un brano scritto e interpretato da Giancarlo Barbati Bonanni, noto come Giancane, contenuto nell'album Ans...
S.U.N.S.H.I.N.E.
S.U.N.S.H.I.N.E. è un brano scritto e interpretato da Rancore, pseudonimo di Tarek Iurcich, contenuto nel suo EP omonim...
Sangue di Drago
Sangue di Drago è un brano scritto e interpretato da Tarek Iurcich, noto al pubblico come Rancore, contenuto nell'album...
La Vita Dopo la Notte
La Vita Dopo la Notte è un brano composto e inciso da Alessio Mariani, in arte Murubutu, contenuto nell'album Tenebra ...

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
36 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).