Traspositore
0
Semplifica
Testo
Auto-scroll
Traspositore
0
Semplifica accordi
Dimensioni Testo
0
Auto-scroll
Video Stampa Segnala

Il Capitano: Accordi

Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli
Intro: FA#m MI RE LA DO# FA#m RE LA MI LA Ho costeggiato dirupi profondi, seguendo sirene di mari di mondi Ho capito la notte più nera MI cercando le tracce di vita SIm Ed ho avuto compagni di strada, LA perduti a contare le stelle coi tempi scaduti, MI LA che dentro alla cenere trovano pace da sempre sognata FA#m E tenendo le porte comunque socchiuse DO#7 RE ho lasciato persone ferite e deluse nel viaggio MI FA#m MI Quando volevo partire, quando morivo di nostalgia RE MI Quando volevo tornare, quando volevo cambiare FA#m RE LA MI LA Ho camminato su lame taglienti, malgrado le corde strappate coi denti e le bende macchiate di sangue MI più rosso del vino bevuto SIm Ed ho visto coprire di terra gli amici LA portando orgoglioso le mie cicatrici, MI giocando la vita a bruciare LA del tempo per niente perduto FA#m E tenendo le mani mai troppo pulite DO#7 RE ho lasciato persone ferite sparite nel viaggio MI FA#m MI Quando volevo partire, quando morivo di nostalgia RE MI Quando volevo tornare, quando volevo cambiare FA#m RE LA DO# MI FA#m RE LA SI5 LA E ora che sono più solo di prima, la barca nel porto legata alla cima RE è uno scheletro nero antracite MI che dondola lento sul mare SIm E consegno i peccati ad un Dio sconosciuto LA che spero non sappia di come ho vissuto MI LA e conosca soltanto il dolore provato nel farmi lasciare, FA#m di quando, guardando quegli occhi per terra, DO#7 RE ho portato persone alla guerra mettendole in viaggio MI FA#m MI Quando volevo partire, quando morivo di nostalgia RE MI Quando volevo tornare, quando volevo cambiare FA#m RE LA DO# MI FA#m RE LA SI5 FA#m
Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli

Credits

Autore: RUGGERI ENRICO
Copyright: Lyrics © ANYWAY MUSIC SRL
 

Il Capitano: Video

Il Capitano è un brano scritto e interpretato da Enrico Ruggeri, contenuto nell'album Frankenstein pubblicato nel 2013. Ventiquattresimo lavoro in studio per il cantautore milanese, si tratta di un concept-album ispirato al celebre romanzo omonimo di Mary Shelley... riletto però in chiave moderna sul concetto di diversità. La canzone è il secondo singolo estratto dal disco, una vivace e ritmata ballata pop-rock con infuenze punk e qualche intervento elettronico.

Articoli correlati

  • Il Primo Amore Non Si Scorda MaiIl Primo Amore Non Si Scorda Mai MIm È passato il tempo, ci ha scavato dentro SI7 La vita che ci ha trasformato MIm Il mondo è cambiato da allora RE SOL RE Ma ricordo […]
  • Primavera a SarajevoPrimavera a Sarajevo Intro: FA#m SIm6 DO# RE DO# SIm DO# FA# FA#m La balalajka, la balalajka SIm DO# Dentro alle case mutilate […]
  • Il Portiere di NotteIl Portiere di Notte Intro: FAm REb Vanno via, e non tornano più DOm FAm non danno neanche il tempo di chiamarli e non lasciano niente […]
  • Nessuno Tocchi CainoNessuno Tocchi Caino Intro: FA#7/4 MI SI DO#m MI FA#4 FA# SI FA# Io sono l'uomo che non volevi, MI SI sono più di tutto […]
  • Non Piango PiùNon Piango Più Intro: SOL SOLm RE FA#/DO# SIm MIm LA7/4 LA7 RE FA#7 SIm MIm LA SIm MIm Ora devo vivere da solo, senza te LA […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
34 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).