Traspositore
0
Semplifica
Testo
Auto-scroll
Traspositore
0
Semplifica accordi
Dimensioni Testo
0
Auto-scroll
Video Stampa Segnala

Nanneddu Meu: Accordi

Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli
SOL Nanneddu meu, Nanneddu meu, DO RE SOL Nanneddu meu, su mundu est gai, a sicut erat, a sicut erat DO RE SOL a sicut erat non torrat mai Semus in tempos de tirannias, DO RE SOL infamidades e carestias como sos populos cascant che canes DO RE SOL gridende forte "cherimus pane"
LA Nanneddu meu, Nanneddu meu, RE MI LA Nanneddu meu, su mundu est gai, a sicut erat, a sicut erat RE MI LA SOL a sicut erat non torrat mai
SOL Famidos, nois semus papande DO RE SOL pane e castanza, terra cun lande terra ch'a fangu, torrat su poveru DO RE SOL chentz'alimentu, chentza ricoveru
LA Nanneddu meu, Nanneddu meu, RE MI LA Nanneddu meu, su mundu est gai, a sicut erat, a sicut erat RE MI LA SOL a sicut erat non torrat mai
SOL Cussas banderas, numeru trinta, DO RE SOL de binu ‘onu mudad’ant tinta apenas mortas cussas banderas DO RE SOL non pius s'osservant imbriacheras
LA Nanneddu meu, Nanneddu meu, RE MI LA Nanneddu meu, su mundu est gai, a sicut erat, a sicut erat RE MI LA SOL a sicut erat non torrat mai
SOL Abbocaeddos, laureados, DO RE SOL butzacas boidas e ispiantados, in sas campagnas papant mura DO RE SOL che crabas lanzas in sa cresura
LA Nanneddu meu, Nanneddu meu, RE MI LA Nanneddu meu, su mundu est gai, a sicut erat, a sicut erat RE MI LA SOL a sicut erat non torrat mai
SOL Sos tristos corvos a chie los lassas? DO RE SOL pienos de tìrrias e malas trassas E gai chin totus fachimus gherra DO RE SOL pro pagas dies de vida in terra
LA Nanneddu meu, Nanneddu meu, RE MI LA Nanneddu meu, su mundu est gai, a sicut erat, a sicut erat RE MI LA SOL a sicut erat non torrat mai
SOL Adiosu Nanni, tenet'a contu, DO RE SOL fache su surdu, betat'a tontu a tantu l'ides: su mundu est gai, DO RE SOL a sicut erat non torrat mai
LA Nanneddu meu, Nanneddu meu, RE MI LA Nanneddu meu, su mundu est gai, a sicut erat, a sicut erat RE MI LA a sicut erat non torrat mai
Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli
 

Nanneddu Meu: Video

Nanneddu Meu è un brano entrato a pieno diritto nella cultura e nella tradizione musicale sarda. Il testo della canzone non è altro che una poesia composta da Peppino Mereu, poeta di Nuoro vussuto a fine Ottocento. La poesia fa parte di una raccolta scritta tra il 1890 e il 1897. Ottant'anni più tardi, nel 1974, la poesia viene musicata da Nicolò Rubanu, riscuotendo grande successo e diventando il canto popolare sardo per eccellenza.

Articoli correlati

Canzoni Sarde: Vedi tutte le canzoni
Duru Duru
Duru Duru è un ballo cantato appartenente alla tradizione sarda. Tramandato oralmente per generazioni, ha origini molto...
Terra Mia
Terra Mia è un brano della tradizione popolare sarda. Scritto da Soleandro, musicista di Ploaghe in provincia di Sassar...
Badde Lontana
Badde Lontana è un canto popolare della tradizione sarda. In italiano signofica Valle lontana ed è stata scritta da An...
Bella Signorina
Bella Signorina è un brano scritto da Giuliano Marongiu, cantautore sardo originario della Barbagia. Il titolo originar...
Deus Te Salvet Maria
Deus Te Salvet Maria è un canto popolare della tradizione sarda. Si tratta di un canto devozionale alla Madonna, scritt...

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
34 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).