L’Evolver è il microsynth prodotto nel 2002 dalla Dave Smith Instruments: è un ibrido analogico-digitale che merita un approfondimento in quanto può essere considerato uno dei migliori di settore sia in quanto a potenzialità sonore che in quanto a prezzo. Oltre a fornire una summa sulle sue caratteristiche, vengo a spiegarvi in quali casi conviene acquistarlo e perchè.

Caratteristiche tecniche

Il suono è prodotto da 4 oscillatori, due dei quali digitali ed altri due analogici: il primo ed il terzo al canale di sinistra ed il secondo ed il quarto a quello di destra; la loro combinazione è uno dei punti di forza della macchina, che la rende capace di creare suoni davvero unici.

Gli oscillatori analogici, molto ben fatti e quindi stabili, producono le quattro forme d’onda standard, mentre ai due digitali viene affidata una larga gamma comprendente 95 tipologie d’onda (12 bit, ma voengono supportate anche quelle a 16, se caricate).

Nonostante la tastiera a tre ottave, peculiarità di tutti i microsynth, gli oscillatori lavorano su un range di 10 ottave, da 8 Hz fino a 8kHz.

L’Evolver è monofonico, l’unico modo per ottenere polifonia è una catena di più strumenti assieme, ciascuno recante una voce addizionale: in altre parole, se della polifonia non potete farne a meno, l’Evolver potrebbe non fare per voi; piuttosto considerate la possibilità Poly Evolver, la sua evoluzione polifonica uscita nel 2004.

Effetti

D’altro canto, gli effetti non sono per niente male: delay (o meglio, tre delay programmabili indipendenti tra loro), hack (ovvero una specie di “disturbatore” che diminuisce la qualità in bit del suono), feedback (che però, poco male, non funziona alle basse frequenze), grunge e overdrive (purtroppo digitale, con però la funzione noise gate qualora settato ad 1).

Sequencer

Quattro sequencer da 16 step ciascuno, con ciascun step editabile individualmente per durata, livello e forma d’onda (quelle digitali, ovviamente). Il sequencer, inteso come 4×16, è sincronizzabile con l’orologio MIDI interno.

Le possibilità di controllo con esso sono davvero tante (perfino su device MIDI esterne), al punto da avere a portata di mano vastissime possibilità di modulazione.

Conclusioni

Consiglio l’Evolver a chi necessita di suoni elettronici piuttosto che l’emulazione di altri strumenti. I lead distorti e sporchi sono il suo pane, ma fa al caso vostro anche se necessitate di sonorità molto sintetiche; gli oscillatori analogici quindi, piuttosto che essere adoperati “analogicamente” finiscono per arricchire le grandi possibilità sonore che già si hanno con quelli digitali.

Il prezzo è ridotto: intorno ai 500 euro; ma forse anche con qualcosa meno ve lo portate a casa.

 

Articoli correlati

  • Un Disco Italiano All’Anno: 2005Un Disco Italiano All’Anno: 2005 Afterhours - Ballate Per Piccole Iene Album di successo che conferma, qualora ce ne fosse ancora bisogno, quanto gli Afterhours siano una creatura musicale tutta da […]
  • Un Disco All’Anno: 2007Un Disco All’Anno: 2007 The National - Boxer Lo stile chitarristico e le ritmiche che hanno contraddistinto band ben più “selvagge” negli anni passati, li ritroviamo anche in questo album, […]
  • Un Disco All’Anno: 2005Un Disco All’Anno: 2005 Bloc Party - Silent Alarm I Bloc Party esordiscono con un album interessante, e cioè quel Silent Alarm che verrà riconosciuto come “figliol prodigo” del revival anni 80, con […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2002Un Disco Italiano All’Anno: 2002 Valentina Dorme - Capelli Rame Un album avvolgente, pieno di poesia ed immagini evocative, che fa persino tornare alla mente il maestro De Andrè. Queste sono le credenziali […]
  • Novation SuperNova 2, dove tutto è editabileNovation SuperNova 2, dove tutto è editabile Sebbene io sia uno strenuo sostenitore dei microsynth, vuoi per la loro essenzialità o per la loro praticità, voglio oggi spendere qualche parola su un (mega)synth che si […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
34 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).