Fender Precision Tony Fanklin

Come già anticipato nel precedente articolo, ho avuto modo di provare il Tony Franklin Precision Bass recentemente, quindi il ricordo è ancora ben impresso nella memoria; lo strumento suona molto bene, classicamente Precision sullo split coil, e molto medioso sul single coil. Utilizzati assieme si ottiene un bel sound, un ibrido lo si potrebbe definire, tra Precision e Jazz Bass che a me piace molto, (non per niente suono un Precision American Deluxe).

Il single coil da solo, invece, non mi è piaciuto molto; probabilmente è solo questione di gusto personale, poiché normalmente utilizzo suoni già molto secchi e ricchi di medie, quindi il pickup al ponte utilizzato singolarmente non è certo il più adatto al mio sound. In ogni caso ho trovato alquanto discutibile la scelta del selettore a lama a 3 posizioni.

Abituato al potenziometro blend del mio Precision, che permette di miscelare i due pickup creando infinite varianti sonore, un selettore a lama come quello del Tony Franklin mi è parso molto approssimativo, un giocattolo: buono solo per chi si accontenta e non ha troppe pretese. Il manico è buono, mentre l’action non è delle migliori (almeno in quello che ho provato), ma per questo basta una mezz’oretta di lavoro, o al limite un buon liutaio.

A parte queste piccolezze, in ogni caso è davvero un buon basso, molto più versatile ed interessante di un Precision classico; con qualche opportuno ritocco, poi, (cambiate quel selettore!) diventerà lo strumento perfetto!

Il prezzo è ovviamente un po’ più alto di quello di un Precision standard, ma comunque non eccessivo, considerando che si tratta di un signature e che è costruito con legni scelti: lo troverete a circa 1600 €.

Per maggiori informazioni consultare la pagina web.

 

Player Audio

Articoli correlati

Lavora con noi

Musicista per video tutorial musicali Musicista per video tutorial musicali

L'autore del post

Foto dell'autore
Alessio Falsini
34 anni, laureato in lingue, suona il basso e la chitarra elettrica dall'età di 16. Tecnico del suono oltre che musicista, studia e sperimenta tecniche di registrazione ed amplificazione.