Musicman Sting Ray

Un altro fra i bassi più amati da professionisti e non, è lo Sting Ray di Musicman. Ogni volta che accendete la televisione e vi guardate un qualsiasi canale musicale è impossibile che in meno di 10 minuti non ne vediate almeno uno in braccio ad un musicista. Con le sue basse massicce e il suo sound moderno è la scelta prediletta di molti bassisti.

Ma veniamo al sodo e parliamo un po’ di caratteristiche tecniche: nasce con un corpo in pioppo, manico in acero selezionato e una tastiera a scelta tra acero o palissandro con 21 tasti. Come ogni basso che si rispetti, poi, si può scegliere se averlo con una tastiera standard, oppure fretless (in questo caso il legno sarà Pau Ferro); avrete inoltre la possibilità di richiedere i tasti disegnati. Le meccaniche sono le BM di casa Schaller e per quanto riguarda il ponte ci sono varie opzioni: o la versione standard, oppure una versione piezoelettrica con sellette in ottone verniciato al nikel.

Per quanto riguarda l’elettronica, il basso esce dalla casa con un humbucker al ponte, ma è possibile richiedere un humbucker opzionale al manico (cosa che io consiglio vivamente). Il setup standard è quello di un preamp attivo a 2 bande con volume, alte e basse. In base alle scelte fatte (numero di pickup, ponte piezoelettrico) potrà essere disponibile un preamplificatore attivo a 3 bande (volume, alte, basse e medie), un selettore a 5 posizioni nel caso dei 2 humbucker, oppure di un potenziometro per il miscelamento del suono nel caso del ponte piezoelettrico.

Fra le innumerevoli opzioni offerte da Musicman, potete trovare tantissime colorazioni e tipi di battipenna; inoltre è possibile richiedere il basso sia in versione mancina, che 5 corde. Se siete interessati alla versione fretless vi consiglio di aggiungere al vostro Sting Ray il ponte piezoelettrico; in questo modo disporrete anche delle sonorità acustiche dello strumento e questo può risultare molto utile in certe occasioni.

Il prezzo della versione standard è di 1500 – 1700 € e ovviamente ogni aggiunta, come immaginerete, la si paga!

Per maggiori informazioni consultare il sito internet.

Articoli correlati

  • Un Disco Italiano All’Anno: 2002Un Disco Italiano All’Anno: 2002 Valentina Dorme - Capelli Rame Un album avvolgente, pieno di poesia ed immagini evocative, che fa persino tornare alla mente il maestro De Andrè. Queste sono le credenziali […]
  • Un Disco All’Anno: 2006Un Disco All’Anno: 2006 Arctic Monkeys - Whatever People Say I Am, That's What I'm Not Oltre a frantumare record di vendite, il disco di debutto degli Arctic Monkeys è una vera e propria bomba a […]
  • Un Disco All’Anno: 2007Un Disco All’Anno: 2007 The National - Boxer Lo stile chitarristico e le ritmiche che hanno contraddistinto band ben più “selvagge” negli anni passati, li ritroviamo anche in questo album, […]
  • Un Disco All’Anno: 2002Un Disco All’Anno: 2002 Interpol - Turn On The Bright Lights Sempre da New York (casa madre degli Strokes) arriva un altro terremoto nel mondo della musica indipendente. In questo caso non si […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2005Un Disco Italiano All’Anno: 2005 Afterhours - Ballate Per Piccole Iene Album di successo che conferma, qualora ce ne fosse ancora bisogno, quanto gli Afterhours siano una creatura musicale tutta da […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alessio Falsini
31 anni, laureato in lingue, suona il basso e la chitarra elettrica dall'età di 16. Tecnico del suono oltre che musicista, studia e sperimenta tecniche di registrazione ed amplificazione.