Chitarra solista: Impara a suonare gli Assoli di Chitarra

Le Quattro Stagioni sono i celeberrimi concerti per violino composti nel 1723 da Antonio Vivaldi, ad oggi le sue composizioni più famose e probabilmente i brani-simbolo della musica barocca. Furono pubblicati due anni dopo come Op. 8, intitolati Il cimento dell’armonia e dell’inventione.
La Primavera è classificata come Op. 8 RV 269 (dal catalogo Ryom-Verzeichnis, “Répertoire des oeuvres d’Antonio Vivaldi”), Concerto numero 1 in Mi maggiore, di cui il terzo movimento è l’Allegro Pastorale, che suona proprio come una pastorale natalizia (dalla quale riprende la cadenza con tempo ternario) ma a velocità più spedita e quindi vivace piuttosto che contemplativo.
Come del resto tutte le Stagioni, il terzo movimento fa seguito ad un secondo molto più lento, in questo caso Largo, che a sua volta succede ad uno molto vivace: l’Allegro è quello che apre il concerto.

Spartito per Organo

Arrangiamento per solo Organo
Licenza: Montréal: Les Éditions Outremontaises, 2009
Download

Spartito per Organo

Arrangiamento per solo Organo, trasposto in Mi bemolle maggiore
Licenza: Montréal: Les Éditions Outremontaises, 2009
Download

Chitarra solista: Impara a suonare gli Assoli di Chitarra
 

Danza Pastorale (La Primavera): Video

Articoli correlati

 Antonio Vivaldi: Vedi tutti i brani
Largo da “L’Inverno”

Quello che ha preso oggi l’appellativo di “Largo di Vivaldi” (pur non essendo ovviamente l’unico brano da egli scritto in questo andamento) è il secondo […]

La Follia

Si indica col titolo La Follia la Sonata n.12 Op.1 in Re minore RV 63 scritta da Antonio Vivaldi. E’ una composizione ispirata nettamente a […]

Lavora con noi

Musicista per video tutorial musicali Musicista per video tutorial musicali

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
34 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).