Fabrizio De Andrè Un Giudice

LAm            REm              MI7         LAm
Cosa vuol dire avere un metro e mezzo di statura,
                  REm        SOL7          DO
ve lo rivelan gli occhi e le battute della gente,
            REm         MI7         LAm
o la curiosità di una ragazza irriverente,
                REm             SOL7          DO
che vi avvicina solo per un suo dubbio impertinente:
                   REm            MI7             FA
vuole scoprir se è vero quanto si dice intorno ai nani,
                   REm           SOL7        DO
che siano i più forniti della virtù meno apparente,
REm             LAm           MI7 LAm
fra tutte le virtù la più indecen-te.

LAm                 REm           MI7             LAm
Passano gli anni, i mesi, e se li conti anche i minuti,
                     REm         SOL7      DO
è triste ritrovarsi adulti senza essere cresciuti,
                REm             MI7           FA
la maldicenza insiste, batte la lingua sul tamburo,
                   REm          SOL7       DO
fino a dire che un nano è una carogna di sicuro,
REm                LAm              MI7              LAm
perchè ha il cuore troppo, troppo vicino al buco del culo.

LAm              REm               MI7         LAm
Fu nelle notti insonni vegliate al lume del rancore
                  REm         SOL7       DO
che preparai gli esami e diventai procuratore,
                 REm              MI7                FA
per imboccare la strada che dalle panche di una cattedrale
                REm              SOL7                DO
porta alla sacrestia quindi alla cattedra di un tribunale:
REm          LAm               MI7                  LAm
giudice finalmente, arbitro in terra del bene e del male.

    LAm            REm            MI7         LAm
E allora la mia statura non dispensò più buonumore
                     REm     SOL7         DO
a chi alla sbarra in piedi diceva "Vostro Onore"
                  REm           MI7            FA
e di affidarli al boia fu un piacere del tutto mio,
             REm            SOL7       DO
prima di genuflettermi nell'ora dell'addio,
REm              LAm         MI7     LAm
non conoscendo affatto la statura di Dio.

Articoli correlati

  • La Città VecchiaLa Città Vecchia Fabrizio De Andrè La Città Vecchia Accordi Tablatura per Chitarra LAm REm SOL7 DO Nei quartieri dove il sole del buon Dio non dà i […]
  • La Guerra Di PieroLa Guerra Di Piero La Guerra di Piero è una composizione di Vittorio Centanaro, amico chitarrista di Fabrizio De Andrè. I diritti del brano però appartengono al cantautore genovese perchè solo […]
  • Amico FragileAmico Fragile Fabrizio De Andrè Amico Fragile REm MIb Evaporato in una nuvola rossa, REm in una delle molte feritoie della notte MIb con un bisogno […]
  • La Canzone Di MarinellaLa Canzone Di Marinella Fabrizio De Andrè La Canzone Di Marinella LAm REm Questa di Marinella è la storia vera SOL DO LAm che scivolò nel […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 31 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO. Twitter @albertomoneti