Creuza de Mà è un brano scritto e interpretato da Fabrizio De Andrè contenuto nell’album omonimo pubblicato nel 1984. Scritto in collaborazione con Mauro Pagani è interamente in lingua genovese come tutto il resto dell’album. Il tema è il viaggio e il protagonista è un marinaio che si accinge a sbarcare al porto di Genova. Durante l’approdo si immagina la strada per arrivare alla taverna dell’Andrea, i suoni, gli odori di strada e una mulattiera da percorrere; il brano , come il disco, è un autentico capolavoro.

Testo e Accordi per chitarra.

Fabrizio De Andrè Creuza de Mà Accordi per Chitarra Chords Testo


RE
Umbre de muri muri de mainé
                     LA    RE
dunde ne vegnì duve l'è ch'ané

da 'n scitu duve a l'ûn-a a se mustra nûa
                             LA      RE
e a neutte a n'à puntou u cutellu ä gua

e a muntä l'àse gh'é restou Diu
                               LA      RE
u Diàu l'é in çë e u s'è gh'è faetu u nìu

ne sciurtìmmu da u mä pe sciugà e osse da u Dria
                           LA    RE
e a funtan-a di cumbi 'nta cä de pria

 SOL        LA   SOL   LA  SOL  RE
E anda umè umè e anda umè umè e anda ayò
 SOl       LA    SOL   LA  SOL  RE
E anda umè umè e anda umè umè e anda ayò

RE                   SOL/RE   RE
E 'nt'a cä de pria chi ghe saià
                          LA     RE
int'à cä du Dria che u nu l'è mainà
                       SOL/RE  RE
gente de Lûgan facce da mandillä
                      LA       RE
qui che du luassu preferiscian l'ä
                  SOL/RE  RE
figge de famiggia udù de bun
                      LA      RE
che ti peu ammiàle senza u gundun

  SOL       LA   SOL   LA  SOL  RE
E anda umè umè e anda umè umè e anda ayò
  SOL       LA   SOL   LA  SOL  RE         LA  RE   LA  RE SOL/RE RE
E anda umè umè e anda umè umè e anda ayò
                                           LA  RE   LA  RE SOL/RE RE
RE                      SOL/RE  RE
E a 'ste panse veue cose che daià
                    LA     RE
cose da beive, cose da mangiä
                           SOL/RE  RE
frittûa de pigneu giancu de Purtufin
                      LA     RE
çervelle de bae 'nt'u meximu vin
                      SOL/RE RE
lasagne da fiddià ai quattru tucchi
                        LA       RE
paciûgu in aegruduse de lévre de cuppi

  SOL       LA   SOL  LA  SOL   RE
E anda umè umè e anda umè umè e anda ayò
  SOL       LA   SOL  LA   SOL  RE
E anda umè umè e anda umè umè e anda ayò

       RE                     SOL/RE         RE
E 'nt'a barca du vin ghe naveghiemu 'nsc'i scheuggi
                       LA         RE      
emigranti du rìe cu'i cioi 'nt'i euggi
                           SOL/RE    RE
finché u matin crescià da puéilu rechéugge
                  LA    RE
frè di ganeuffeni e dè figge
                      SOL/RE       RE
bacan d'a corda marsa d'aegua e de sä
                                    LA        RE
che a ne liga e a ne porta 'nte 'na creuza de mä

  SOL       LA   SOL  LA  SOL   RE   
E anda umè umè e anda umè umè e anda ayò
  SOL       LA   SOL  LA  SOL   RE        LA  RE  LA  RE SOL/RE RE
E anda umè umè e anda umè umè e anda ayò
                                          LA  RE  LA  RE SOL/RE RE
  SOL       LA   SOL  LA  SOL   RE   
E anda umè umè e anda umè umè e anda ayò
  SOL       LA   SOL  LA  SOL   RE        
E anda umè umè e anda umè umè e anda ayò

Articoli correlati

  • SidunSidun Sidun è un brano scritto e interpretato da Fabrizio De Andrè contenuto nell'album Creuza de mà pubblicato nel 1984. Scritto con la collaborazione di Mauro Pagani, è in lingua […]
  • Don RaffaèDon Raffaè Ispirata al brano 'O ccafè di Domenico Modugno, Don Raffaè veniva registrata nel 1990 con l'album studio "Le nuvole". Della canzone si ricorda la collaborazione di Fabrizio De […]
  • Volta La CartaVolta La Carta Volta La Carta è la seconda traccia dell'album Rimini, inciso da Fabrizio De Andrè nel 1978. Scritta in collaborazione con Massimo Bubola, in essa sono contenute moltissime […]
  • La Canzone Di MarinellaLa Canzone Di Marinella Fabrizio De Andrè La Canzone Di Marinella LAm REm Questa di Marinella è la storia vera SOL DO LAm che scivolò nel […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 31 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO. Twitter @albertomoneti