Favola è una canzone del 1993 interpretata da Eros Ramazzotti ed incisa come settima traccia di Tutte Storie, album che ha venduto più di 6 milioni di copie in tutto il mondo. Fu proprio in quel periodo che lo stesso Ramazzotti guadagnò fama mondiale strappando un contratto record alla BMG International.

Testo e Accordi per chitarra.

Eros Ramazzotti Favola Accordi per Chitarra Chords Testo

Intro:
       DOadd9/MI  RE  DOadd9/MI  RE  SIm  MIm

       DOadd9  RE  

DOadd9/MI        RE
E raccontano che lui
          DOadd9/MI     
si trasformo'
                RE           
in albero e che fu
           SIm            MIm    
per scelta sua che si fermo'
                 DOadd9          
e stava li a guardare
              RE           SOL4 SOL        
la terra partorire i fiori nuovi
  DOadd9/MI
cosi
              RE          DOadd9/MI          
fu nido per conigli e colibri'
                  RE          DOadd9/MI       
il vento gli insegnò i sapori di
             RE          SIm
resina e di miele selvatico
                 MIm
e pioggia lo bagnò
             DOadd9/MI   
la mia felicita'
              RE   
diceva dentro se stesso

SOL   RE/FA#        MIm      SOL/RE
ecco...ecco l'ho trovata ora che
DO          SOL/SI
ora che sto bene
      LAm7          SOL/SI DO
ed ho tutto il tempo per me
        LAm7       RE7/4 
non ho più bisogno di nessuno
LA        MI/SOL#     FA#m        LA/MI
ecco la bellezza della vita che cos'e'
RE
Ma un giorno passarono di li'
    LA/DO#            
due occhi di fanciulla
               SIm7                 LA/DO#  RE 
due occhi che avevano rubato al cielo
                     
un po' della sua vernice
     SIm7           MI7/4
e senti' tremare la sua radice

SI          FA#/LA#       SOL#m7      SI/FA#  
Quanto smarrimento d'improvviso dentro se...
 MI               SI/RE#
quello che solo un uomo
      DO#m7       SI/RE# MI   
senza donna sa che cos'e'
       DO#m7           FA#7/4
e allungo' i suoi rami per toccarla

Strumentale:
            DOadd9/MI  RE  SIm  MIm

                   DOadd9/MI
Capi' che la felicita'
                RE
non e' mai la meta' di un infinito

SOL        DO
Ora era insieme
       MIm
luna e sole
        RE
sasso e nuvola
                   SOL      
era insieme riso e pianto
     DO           MIm
o soltanto era un uomo che
             RE   
cominciava a vivere
SOL                      DO
ora era il canto che riempiva
        MIm                RE
la sua grande, immensa solitudine
                 SOL      
era quella parte vera
                   DO     
che ogni favola d'amore
     MIm
racchiude in se
             RE        SOL  DO  MIm  RE
per poterci credere....

Articoli correlati

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 31 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO. Twitter @albertomoneti