Stranizza d’amuri è un brano di Franco Battiato contenuto nell’album L’era del cinghiale bianco uscito nel 1979. La canzone, scritta con la collaborazione di Giusto Pio, è cantata nel dialetto natio, il siciliano. Siamo nei primi anni dopo la seconda guerra mondiale, tra le rovine di un paesino siciliano. Una semplice storia d’amore con echi e ricordi di una guerra appena lasciata alle spalle. Da notare la seconda parte in 7/8 con cambio di tonalità, particolarità che non toglie dolcezza e romanticità al brano.

Testo e Accordi per Chitarra

Franco Battiato Stranizza d’Amuri Accordi per Chitarra Chords Testo

            REb          SOLb
    'Ndo vadduni da Scammacca
              REb     SOLb/SIb
    i carritteri ogni tantu
       LAb   REb 
    lassaunu i loru bisogni
           SOLb             LAb
    e i muscuni ciabbulaunu supra
            REb    
    jeumu a caccia di lucettuli ...
      SOLb/SIb  REb
    a litturina da Ciccum-Etnea
          SOLb/SIb
    i saggi ginnici 'u Nabuccu
      LAb               REb    RE   SOL  LA  RE  SOL  LA  
    a scola sta finennu.
    RE
    Man manu ca passunu i jonna
    SOL
    sta frevi mi trasi 'nda ll'ossa
    LA
    ccu tuttu ca fora c'è a guerra
    RE        SOL                   LA      
    mi sentu stranizza d'amuri ... l'amuri
    RE
    e quannu t'ancontru 'nda strata
    SOL
    mi veni 'na scossa 'ndo cori
    LA
    ccu tuttu ca fora si mori
    RE      SOL                   LA       RE  SOL  LA  RE  SOL  LA
    na mori stranizza d'amuri ... l'amuri.
    RE
    e quannu t'ancontru 'nda strata
    SOL
    mi veni 'na scossa 'ndo cori
    LA
    ccu tuttu ca fora si mori
    RE      SOL                   LA       RE  SOL  LA  RE  SOL  LA
    na mori stranizza d'amuri ... l'amuri.
    RE
    Man manu ca passunu i jonna
    SOL
    sta frevi mi trasi 'nda ll'ossa
    LA
    ccu tuttu ca fora c'è a guerra
    RE        SOL                   LA     RE  SOL  LA  RE  SOL  LA    
    mi sentu stranizza d'amuri ... l'amuri

Articoli correlati

L'autore del post

Foto dell'autore
Andrea Checcucci